Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 13 Dicembre 2018 Giovedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Feed-O-Matic
  ricerca | ultimi 250 | indice



PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login

1 risultato

13 Marzo 2018 Martedì 12:14
La Donna e il Mare. Orizzonti in bilico tra sogno e realtà - Alessandro Trani e Marina Mian

da 16/03/18 a 29/03/18

Medina Roma

Doppia personale degli artisti Alessandro Trani e Marina Mian.

Dai tempi più remoti all’uomo è stata assegnata la funzione di predominio e comando, mentre la donna veniva relegata alla sfera domestica.
La donna è rimasta storicamente fuori dalla vita di mare e, talvolta, ne è stato sottolineato il potere rassicurante e protettivo nei confronti della navigazione maschile.
Un’assenza diffusa, quindi, attestata fin dall’antichità nella mitologia greca dalla figura esemplare di Ecuba, moglie di Priamo e regina di Troia, che afferma, nelle Troiane di Euripide, di non essere mai salita su una nave, ma di conoscerla solo attraverso i racconti degli uomini.
«Alle donne la terra, agli uomini il mare», si è sempre detto, associando la funzione riproduttiva femminile alla terra madre generatrice di frutti. Un legame forte, quello dell’agricoltura, alla donna, evidente nei momenti dei grandi raccolti, della mietitura o della vendemmia. Come, d'altronde, forte è il legame del viaggio per mare e della pesca all'uomo.

A smentire tale dualità, che è apparsa storicamente come netta divisione, giunge opportuna questa mostra, ove la donna è assoluta protagonista ed è spesso immersa nella natura, che ne completa il fascino, con i suoi scorci e i suoi viatici, al pari del mare, che è metafora di vita nella sua sconfinata dimensione spazio-temporale senza distinzioni di sesso.

La donna di Mian e il mare di Trani sono legati indissolubilmente dalla loro profonda dimensione ideale, che è la stessa, sempre in bilico tra sogno e realtà: entrambi infatti rappresentano il medesimo desiderio alla libera determinazione, che è condivisa tensione e spinta al superamento delle fragilità umane, attraverso prospettive ed orizzonti catartici e di rigenerazione, spesso carichi di poetica malinconia.
Il profumo di donna e la brezza marina così si fondono, in un'unica narrazione, ove la storia è sempre una storia di vita immersa nella natura: vita nata nelle profondità delle acque del mare e vita generata in terra nel grembo materno della donna.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

1 risultato

Altre sezioni per - Auditorium - Concerti



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito