Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 7 Aprile 2020 Martedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Feed-O-Matic
  ricerca | ultimi 250 | indice



PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login

1 risultato

14 Gennaio 2020 Martedì 09:13
Elena - primo frammento

17/01/20

Teatro Basilica

Elena – primo frammento
Residenza creativa
Da Ghiannis Ritsos
Regia Monica Conti
Con Elena Arvigo


Prove aperte, ragionamenti attorno ai processi di ricerca e composizione di nuove opere. Questo e tanto altro saranno le “Residenze creative”. Un progetto artistico e organizzativo per contribuire allo sviluppo dei temi delle residenze che in questi ultimi anni hanno caratterizzato la scena contemporanea. Da diversi anni, critici, studiosi, operatori e artisti riconosco la necessità delle residenze: un valore aggiunto per riflettere sulla qualità delle opere e agire sulle profonde relazioni fra ricerca, formazione e produzione.

Teatro Basilica è uno spazio dedicato al sentimento dell’accoglienza degli artisti e, insieme, un presidio culturale per innescare delle profonde relazioni con i cittadini e il pubblico, le comunità di riferimento che determinano la specificità dei Teatri delle Residenze.

Sulla soglia? Una donna senza età vecchia e bambina, decrepita e splendente, mitica e contemporanea parla ad un soldato venuto a trovarla. Un soldato che ha combattuto per lei, Elena, con il suo volto bellissimo inciso sullo scudo e che si è dato tanta pena per “eroismi, gradi e glorie”. Dopo tanti anni, però, questa Elena lo ricorda solo come “buffo, con l’elmo alto e il pennacchio” e a lui racconta dell’oggi e del lontano passato. Ma il soldato è un fantasma?

E’ uno dei tanti morti per una guerra come sempre inutile? E lei è viva o è un fantasma anch’essa? Si trova sulla soglia? Sta per morire e ripercorre gli eventi della sua vita attraverso nuove prospettive? Questo poemetto mitologico è uno dei 16 appartenenti all’opera “Quarta Dimensione” del 1972. Titolo non casuale. Alla ricerca della “Quarta Dimensione” Ritsos scompone e ricompone il mito accostando tutte le facce contemporaneamente, come i cubisti. Facce percepibili in modo diverso secondo il punto di osservazione. Perdendo la sua univocità e sacralità il Mito torna così ad appartenerci.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Teatro
| | teatro |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

1 risultato

Altre sezioni per - Auditorium - Concerti



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito