Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 18 Gennaio 2019 Venerdì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Feed-O-Matic
  ricerca | ultimi 250 | indice



PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login

1-10 di 112 risultati >>

17 Gennaio 2019 Giovedì 16:56
Vasari per Bindo Altoviti. Il Cristo portacroce

da 25/01/19 a 30/06/19

Gallerie Nazionali di Arte Antica - Galleria Corsini

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica presentano per la prima volta al pubblico dal 25 gennaio al 30 giugno 2019, nella sede di Galleria Corsini a Roma, un capolavoro recentemente riscoperto di Giorgio Vasari: il Cristo Portacroce, realizzato per il banchiere e collezionista Bindo Altoviti nel 1553.
Il dipinto costituisce uno dei vertici della produzione dell’artista aretino e uno degli ultimi dipinti realizzati a Roma prima della sua partenza per Firenze.
Il ritrovamento si deve a Carlo Falciani, esperto studioso di pittura vasariana, che lo ha riconosciuto nel quadro registrato da Vasari nel proprio libro delle Ricordanze, indicandone la data e il nome del prestigioso destinatario.
Il dipinto testimonia un momento assai importante dell’attività romana di Vasari, allora al servizio di papa Giulio III e della sua cerchia.
Riportata nel suo contesto, l’opera si rivela un caso esemplare per capire le pratiche di lavoro di Giorgio Vasari e i caratteri peculiari della sua fortunatissima ‘maniera’.
In occasione della mostra è previsto un ciclo di conferenze sull’opera esposta e la figura dell’artista. Sarà inoltre pubblicato un catalogo a cura di Barbara Agosti e Carlo Falciani.
La mostra e il catalogo sono stati realizzati grazie alla collaborazione e al supporto della Benappi Fine Art.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

17 Gennaio 2019 Giovedì 16:46
Jago - Inaugurazione di “Habemus Hominem”

da 26/01/19 a 24/03/19

Palazzo Doria Pamphilj

Il 25 Gennaio 2019 si terrà l’inaugurazione dell'opera "Habemus Hominem" di Jago a Roma dove verrà esposta nella Sala del Trono di Palazzo Doria Pamphilj. L’opera, data in prestito al Palazzo, è in vendita sotto forma di quote di proprietà sulla piattaforma online di Feral Horses ed è già stata acquistata da oltre 500 persone, le quali ne sono diventate comproprietarie.
All’inaugurazione potranno partecipare solo i proprietari di almeno 4 quote dell'opera. Le quote potranno essere acquistate sul sito di Feral Horses, ma solo i primi 100 comproprietari potranno ricevere l'invito per l'inaugurazione e conoscere Jago.
L’opera verrà accolta in una delle Collezioni private più importanti d’Europa, in un Palazzo Papale in cui sono conservati capolavori di Tiziano, Caravaggio, Raffaello, Filippo Lippi e, soprattutto, l’opera di Jago si confronterà con il Ritratto di Innocenzo X di Velasquez e il Busto di Innocenzo X di Bernini.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

17 Gennaio 2019 Giovedì 16:11
Prendi la tua cartella e vattene da scuola

da 18/01/19 a 31/01/19

Biblioteca Elsa Morante

Le leggi razziali del 1938 commentate dai bambini della periferia di Roma.

La mostra raccoglie disegni ed elaborati realizzati dai bambini che frequentano le Scuole della Pace, doposcuola gratuiti che la Comunità di Sant’Egidio realizza nelle periferie di Roma. Durante tutto l’anno si è discusso e lavorato con i bambini sul tema dell’esclusione edell’ingiustizia prodotta dall’emanazione delle Leggi Razziali del 1938. I bambini hanno ascoltato storie, incontrato e intervistato anziani che hanno vissuto l’espulsione o che hanno visto espulsi i loro compagni di classe.

Sono disegni e testi che esprimono un forte senso di ingiustizia ma anche la paura e il timore che ciò non accada mai più. Oltre al passato però molti bambini hanno anche riflettuto sul futuro, su come deve essere la scuola di oggi e su quali sono le condizioni per far si che mai più vengano emanate delle leggi razziali.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

17 Gennaio 2019 Giovedì 15:26
Io sono Anna Frank

da 17/01/19 a 31/01/19

Biblioteca Quarticciolo

La mostra “Io sono Anna Frank” approfondisce numerosi fatti della storia della famiglia Frank dal momento del nascondiglio sino alla deportazione, arrivando ad affrontare argomenti attuali che incoraggiano i visitatori a farsi domande sui loro stessi sogni e pensieri, e a chiedersi come poter contribuire per migliorare il nostro mondo oggi.

Iniziativa a cura dell’Istituzione Biblioteche di Roma in collaborazione con l’Associazione “Un ponte per Anna Frank”.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

17 Gennaio 2019 Giovedì 13:11
Il mito rivisitato. Le maschere arcaiche della Basilicata

da 09/02/19 a 28/04/19

Musei di Villa Torlonia - Casina delle Civette

Mostra a cura di Francesca Uccella

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

17 Gennaio 2019 Giovedì 09:28
Notti Felliniane

da 17/01/19 a 22/01/19

Area Contesa Arte

Dal 17 Gennaio al 22 Gennaio Area Contesa Arte rende omaggio ad un grandissimo artista della cinematografia italiana FEDERICO FELLINI con l'evento "Notti Felliniane".

In concomitanza con la ricorrenza del suo compleanno ripercorreremo la vita dell'artista attraverso una mostra con opere liberamente ispirate ai titoli di alcuni suoi film, personaggi,libri ed elementi della sua cinematografia.
Tra gli artisti che hanno raccolto il nostro invito ad omaggiare il genio dell'artista avremo Domenica Vivace,Fabrizio Capaccioni ,Marco Cipriani,Orlando Tocco,Anna Santilli, Annelise Atzori, Lina Mariolu,Bernardetta Olla,Cristina Giovannucci,Carina Pieroni,Giovanni Fontana,Claudio Belleggia,Rosalia Di Vito,Donatella Curcio e Anna Trzuskolas con una mostra personale incentrata sulle opere ispirate dal tema della Luna tanto caro a Fellini.
La mostra seguirà un percorso temporale attraverso le opere del regista :"La strada","La Dolcevita","Amarcord","La città delle donne", "Ginger e Fred","La voce della luna".

Venerdi 18 Gennaio dalle ore 17.30 inaugurazione dell'evento. Durante la serata si alterneranno letture, racconti, aneddoti e performance artistiche sull'indimenticabile artista.

Nel contesto della Rassegna "Notti Felliniane" Area Contesa Arte presenta la Mostra Personale "Incantata dalla Luna" dell'artista Anna Trzuskolas, liberamente ispirata al tema della Luna tanto caro a Federico Fellini.
La mostra verrà inaugurata Venerdi 18 Gennaio alle ore 18.00 con la presentazione critica del Maestro Mario Salvo.
Sabato 19 Gennaio sarà presente l'artista alle ore 17.00 per un incontro con il pubblico.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

15 Gennaio 2019 Martedì 12:12
Mud & Bones: ossa e fango nella rappresentazione del passato

da 18/01/19 a 31/01/19

Accademia di Romania

Una mostra dedicata agli emergenti dell’arte contemporanea Romena.

Inediti immaginari del conflitto e della memoria: nella mostra, artisti diversi tra loro, accomunati dalla provenienza -sono nati e cresciuti in Romania-, raccontano il loro rapporto con la guerra, dialogando attraverso i linguaggi della scultura e del ready made, della video-arte e della fotografia. Con il loro lavoro affrontano in maniera del tutto personale il tema del conflitto, attraverso la rielaborazione di concetti quali identità, memoria, fragilità e appartenenza.
Un passato complesso, a tratti drammatico, affiora nelle opere d’arte contemporanea degli artisti emergenti di Bucarest, Cluj-Napoca, Oradea.
Due sono le immagini chiave che gli artisti contemporanei romeni portano alla nostra attenzione, quando elaborano con arti pittoriche, installative e video, la storia recente del paese in cui sono nati: il fango, elemento di protezione ma anche di occultamento; e le ossa, ciò che rimane dell’uomo, testimonianza quasi immortale delle sue spoglie. Sono questi elementi rappresentativi di un passato doloroso e ricco al contempo, e, soprattutto, di una relazione spirituale con gli elementi e con la storia: è questa la cifra compositiva degli artisti emergenti della Romania contemporanea, panorama che sta rinascendo e rinverdendosi in un nuovo risveglio brulicante di energie artistiche, di nuove istanze culturali e di nuovi modi di fare arte.
Le opere in mostra sono accomunate da un costante richiamo, implicito o manifesto, alla natura e al suolo: la terra, metafora di vita così come di morte, viene evocata o rappresentata nelle opere, in una metafora che rende palese come gli elementi naturali che hanno popolato il paesaggio romeno durante il conflitto, assorbendo il lutto hanno sepolto e incorporato spoglie e ricordi, rendendo il suolo vero e proprio corpo fisico della memoria storica, collettiva e familiare.
La simbologia dell’elemento sepolcrale, fatto di ossa e terra, viene sviluppata dagli artisti contemporanei nelle sue componenti quasi profetiche, non per forza rassicuranti, sancendo il protagonismo dell’organicità del suolo, che viene evocato come elemento di protezione e di sopravvivenza ma anche di occultamento e soffocamento.
Cinque sono i fatti storici che influenzano la mostra in modo particolare: i lasciti delle guerre mondiali, i campi di lavoro di Ceaușescu, la rivoluzione del 1989 e i fatti storici di Rosia Montana. Sono questi gli elementi storici che assurgono a metafora del mondo contemporaneo e dei suoi movimenti nell’arco del secolo breve, facendo capolino nelle opere esposte, tutte prodotte da artisti nati negli anni ’80, decade che è stata spartiacque culturale ed economico in Romania come nel resto del mondo: “
La mostra presenta un’atmosfera sacrale, sottolineando lo spazio dell’Istituto Romeno di Cultura come luogo deputato ad una discussione di morale altitudine sulla storia e sulla cultura Romena, e sulle sue influenze alla comunità internazionale, sottolineando come essa possa essere elemento di conoscenza e di riflessione per le popolazioni dello stivale.
Ancora, la mostra intende dare visibilità agli artisti contemporanei Romeni come protagonisti di un nuovo preziosissimo “rinascimento culturale” dal quale la comunità artistica Europea trae molta ispirazione.
In mostra, opere di: Remus Ilisie, Mircea Ciutu, Vanessa Gageos.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

15 Gennaio 2019 Martedì 11:47
Il centenario. 1919-2019 Giulio Andreotti. Una vita per lo stato

da 15/01/19 a 09/02/19

Biblioteca del Senato "Giovanni Spadolini"

Mostra fotografica allestita in occasione del centenario della nascita di Andreotti, che ne ripercorre tutta la vita pubblica e politica.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

15 Gennaio 2019 Martedì 10:56
Il centenario. 1919-2019 Giulio Andreotti, immagini di una vita

da 16/01/19 a 17/02/19

Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro

Mostra fotografica in occasione del centenario della nascita di Giulio Andreotti.

Una percorso tra immagini e documenti che intende ripercorrere le tappe fondamentali della vita politica e privata di Andreotti.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

14 Gennaio 2019 Lunedì 16:21
Oltre il Bianco

da 24/01/19 a 15/03/19

Bianco contemporaneo

Arrivare alla Fondazione Pino Pascali in un giorno di aprile, con una tiepida brezza primaverile, predispone l’animo a riconoscere il bello.
Entrare in quel magnifico luogo carico di luce riflessa del sole della Puglia, inondati dal biancore delle sculture di Iginio Iurilli è stata un’esperienza sensoriale.
Opere capaci di sedurre i sensi e lo spirito. Come Partenope, Leucosia e Ligeia, ammaliavano con la loro voce i marinai, le sculture Impronta di Giunone e Grembo rapivano con il loro candore abbagliante i visitatori. Da quell’atmosfera irreale ed ebbra di luce, emergevano da una distesa di sale sagome marine.
È così che abbiamo scoperto il lavoro di Iginio Iurilli, ed in questo chiarore accecante abbiamo immaginato come Oltre il Bianco, avremmo potuto ricreare quell’ambiente incantato nello spazio di Bianco Contemporaneo.
Riproporre, in parte, quella mostra non produrrà lo stesso effetto, ma con l’apporto dei colori morbidi e delicati delle sculture di Iurilli, con gli aculei viola dei suoi ricci, attraverso lo squarcio rosso della sua opera più recente, scopriremo l’anima, l’armonia e la forza del mare della Puglia. Uno spicchio d’estate nel freddo e poco gradito inverno romano.
 
A completamento della mostra video di:
Alessandro Piva - Iurilli 1192, Ignazio Fabio Mazzola - Iii I i i, Massimo Ruggiero - From the Heart Contempo (festival Art)

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

1-10 di 112 risultati >>

Altre sezioni per - Auditorium - Concerti



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito