Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 24 Settembre 2018 Lunedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Feed-O-Matic
  ricerca | ultimi 250 | indice



PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login

1-10 di 51 risultati >>

21 Settembre 2018 Venerdì 15:51
Per un solo attimo

da 20/10/18 a 27/10/18

Studio d'arte Viola

In mostra le ultime opere realizzate di Viola Di Massimo.

Viola Di Massimo: www.arteviola.com
Artista, vive e lavora a Roma.
La sua ricerca artistica inizia nel 1996 con lo studio del nudo femminile assieme al concetto di uguaglianza proprio nella diversità nella forma e nell'identità. Dopo l'Accademia di Belle Arti di Roma partecipa a numerose collettive e personali. Dal 1998 apre il proprio studio alle visite su appuntamento dove è possibile vedere le sue opere. Dal 2011 lo studio è anche spazio aperto al pubblico per eventi organizzati dall'artista. Le luci, i pigmenti rossi, le matite su carta, i video, le sculture, le tele e i soffitti inclinati fanno sì che lo studio stesso sia opera-installazione e l'osservatore divenga inconsapevolmente protagonista dell'opera.
.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

21 Settembre 2018 Venerdì 15:34
La scultura a cera persa

da 01/10/18 a 27/10/18

Museo Fondazione Venanzo Crocetti

Mostra dedicata al confronto tra gli scultori del bronzo Italiani e Giapponesi

Fin dagli albori dell’era Meiji, da oltre 140 anni Giappone e Italia hanno scambiato le loro sculture. Il Giappone si è affacciato per la prima volta alla tecnica scultorea occidentale grazie allo scultore Vincenzo Ragusa, accolto come insegnante nel Paese del Sol Levante nel 1876.

Dagli anni ‘60 si sono tenute in Giappone mostre di grandi maestri della scultura italiana, con la partecipazione di artisti del calibro di Venanzo Crocetti, Marino Marini, Giacomo Manzù, Emilio Greco, Pericle Fazzini, mentre sempre più giovani giapponesi desiderosi di conoscere la tecnica scultorea italiana si recavano, ad esempio, a Milano o Carrara.

Il professor Yoshitaka Nakamura dell'Università di Tsukuba, che ha organizzato la mostra dopo aver studiato a Roma, per un anno, la tradizionale scultura in bronzo a cera persa, che è l'essenza della scultura italiana, si sta impegnando per trasmettere questa tecnica in Giappone.

La mostra è finalizzata ad analizzare ed evidenziare i punti in comune e le differenze fra Giappone ed Italia nella tecnica di scultura in bronzo a cera persa.

Artisti partecipanti:  Nobushige Akiyama, Adriano Bimbi, Enzo Carnebianca, Sarah Del Giudice, Novello Finotti , Fumiya Kawasima, Masanori Kimura, Daisuke Matsuo,  Ko Miyazaki,  Varentino Moradei, Kyoji Nagatani, Yoshitaka Nakamura,  Eiji Shiraishi,  Hiroko Takesue, Velasco Vitali.

 

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

21 Settembre 2018 Venerdì 14:06
I due versi del viaggio. Italia-Africa australe, viaggi di esplorazione e di migrazione

da 22/09/18 a 04/11/18

Museo delle Civiltà - Museo preistorico etnografico "Luigi Pigorini"

A cura di Patrizia Pampana, Davide Rosso e Gaia Delpino e la collaborazione di Antonio Politano e Giulia Boero. Collezioni etnografiche, documenti, fotografie illustrano  il viaggio compiuto alla fine dell’Ottocento da due missionari valdesi nell’Africa australe.

Dall’esperienza dei missionari del passato, in Africa anche nella veste di geografi ed etnologi, si volgerà lo sguardo alle motivazioni che animano l’azione missionaria di oggi. Dalla riflessione sull’emigrazione italiana della fine del XIX secolo in Africa australe si passa a testimonianze videoregistrate di migranti che oggi, per diverse ragioni, dall’Africa raggiungono l’Italia.
Il viaggio di conoscenza e di scoperta di un’epoca passata entra in relazione con le partenze odierne dei migranti alla ricerca di nuove opportunità, di rifugio, di risorse, di un nuovo inizio.

La mostra è realizzata con il contributo dell’Otto per Mille dell’Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi, dalla Società Geografica Italiana Onlus (SGI) in partenariato con la Fondazione Centro Culturale Valdese (FCCV) e in collaborazione con il Museo delle Civiltà nell’ambito del Festival della Letteratura di Viaggio.

L'inaugurazione è accompagnata dalla musica di Badara Seck

 

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

21 Settembre 2018 Venerdì 09:58
II Museo Virtuale della Valle del Tevere

Biblioteca Società Geografica Italiana, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

II Museo Virtuale della Valle del Tevere, realizzato dal CNR ITABC e finanziato da Arcus SpA (ora Ales SpA), è un sistema integrato di conoscenza, valorizzazione e comunicazione del paesaggio culturale della media Valle del Tevere, nell'area a Nord di Roma compresa tra il Monte Soratte e Fidene e tra Sacrofano e Palombara Sabina (circa 60 x 40 km).  Obiettivi sono la ricerca, la disseminazione culturale, la promozione del territorio.

A partire dalla raccolta dei dati esistenti, dalla documentazione digitale e dal rilievo topografico, sono stati ricostruiti in 3D sia il paesaggio della media valle  del Tevere, nella sua evoluzione geologica e antropica attraverso varie fasi cronologiche (da 3 milioni di anni fa ad oggi), sia alcuni siti archeologici (Lucus Feroniae, Villa dei Volusii)  e aree di interesse storico e naturalistico (Monte Soratte e Riserva Naturale del Tevere-Farfa).

Sono state realizzate varie applicazioni multimediali destinate permanentemente ai musei del territorio, romano e periferico:

- La biblioteca della Società Geografica Italiana a Villa Celimontana, Roma.

- Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma. Per il Museo di Villa Giulia è stata creata una grande installazione di realtà virtuale con interazione naturale, concepita come polo di attrazione, per veicolare l'interesse del pubblico. Essa è stata presentata in anteprima anche a Villa Celimontana a Roma in occasione
del Festival Internazionale della Letteratura di Viaggio nel 2014.

- Il Museo del Fiume a Nazzano

- Il museo archeologico di Lucus Feroniae a Capena

Ulteriori informazioni www.museovirtualevalletevere.it/

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

21 Settembre 2018 Venerdì 09:38
Taking Care of the Garden of Eden

da 22/09/18 a 03/11/18

White Noise Gallery

Il pittore spagnolo Jesús Herrera torna con la sua seconda personale alla White Noise Gallery

Frammenti di giardini segreti: la ricerca dell'Eden di Jesús Herrera è un ciclo inedito di opere dove, lavorando sulla rappresentazione della natura, Jesús s’interroga sulla paradossale impossibilità per l’artista di fornire rappresentazioni oggettive e distaccate di un tema.

Ciascuno dei pezzi del ciclo è concepito come un frammento di un giardino segreto, una linea di un disegno assoluto, pensato per essere custodito e portato con sé.

La pittura che Jesús Herrera ha elaborato per questo ciclo supera i limiti del quadro e si lancia alla scoperta della terza dimensione invadendo i supporti fino a trasformarsi in un mantello mimetico, avida di coprire/scoprire tutto con la rappresentazione del giardino perfetto.

La squisitezza pittorica che caratterizza i lavori non è mai il loro fine ultimo ma anzi si fa mezzo a servizio del significato; nei lavori in mostra la prima protagonista è la natura, non la tecnica. Tutto nella rappresentazione di Jesús è coperto dalla pittura ad eccezione di cinque sculture di ceramica, solidi platonici immacolati, allegoria di una scienza assoluta e lontana che non è parte di questo giardino ideale ma piuttosto ne è l’unità di misura; il metro perfetto di giudizio a cui l’artista cerca di arrivare senza mai avere successo

La mostra è stata realizzata con il patrocinio della Reale Accademia di Spagna a Roma

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

20 Settembre 2018 Giovedì 16:20
VIS SYMBOLICA, il fascino dei significati

da 09/10/18 a 13/10/18

UCAI Galleria La Pigna

Presentano la mostra il prof. Daniele Radini Tedeschi e il curatore prof. Rosario Sprovieri a presentare la mostra dell’artista Alessandra Casciotti.

La mostra è patrocinata dalla Regione Lazio, dall’U.C.A.I. Unione Cattolica Artisti Italiani, dalla Galleria La Pigna- U.C.A.I. Roma e dall’Associazione AVACA.

Le opere della pittrice fanno riferimento, come già ben evidenzia il titolo della rassegna, all’importanza che i simboli vengono ad assumere nei suoi quadri; un simbolo che va oltre dunque il senso ed il significato figurativo del tema rappresentato per evidenziare, invece, ciò che non è apparente ma è piuttosto il prodotto dell’elaborazione della psiche.

Non poche delle 22 opere che sono in quest’occasione presentate al pubblico e alla critica sono esemplificative della più recente produzione della pittrice e rappresentano in tal senso l’evoluzione che ogni artista subisce o promuove nel tempo, anche nel più breve dei periodi. La consapevolezza della forza dell’arte, in uno con la simbologia, caratterizzano  i quadri ad olio dell’artista che sollecita l’osservatore alla conquista della propria più profonda interiorità nella ricerca della soluzione degli enigmi postigli dall’esistenza. 

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

20 Settembre 2018 Giovedì 14:30
Emotional Landscape

da 22/09/18 a 27/09/18

Medina Roma

In mostra le fotografia di Sofia Podestà, vincitrice del Premio Medina Sezione Fotografia.
Una prima personale della fotografa a cura di Alessia Ferraro.


L’occhio di questa promettente artista ha la capacità di cogliere minuscoli dettagli nella vastità che la sua macchina fotografica intrappola. La natura che rappresenta, ben lungi dalla classica impostazione da cartolina, è colta e raffinata e interpreta un intenso parallelismo con l’animo umano. Negli scatti di Sofia Podestà, l’uomo è misura dello spazio in una continua ricerca di simmetria e ordine. I luoghi che affascinano la fotografa sono principalmente le montagne, le terre rocciose, i paesaggi lunari, sconfinati e isolati, ricchi di linee dinamiche che suggeriscono una continua spinta a ricercare.

L’invito dell’artista è quello di perdere gli abituali punti di riferimento, in un’ottica di travolgente esaltazione per tutto ciò che è inaspettato. Isolarsi dall’assordante tecnologia, dagli abituali doveri, dall’estenuante e invadente rintracciabilità a cui ognuno di noi pare essere condannato. Isolarsi per affidarsi meramente alle proprie capacità di riscoprirsi e trovare nuove e differenti certezze.

L’artista ci invita a viaggiare con lei, ad affondare la nostra anima nei suoi ritrovi di pace e perdersi per ritrovare quell’unico posto al mondo che possiamo chiamare casa, ovunque esso sia.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

20 Settembre 2018 Giovedì 14:18
Resolution 808

da 18/10/18 a 09/11/18

Officine Fotografiche

Di Martino Lombezzi e Jorie Horsthuis
A 25 anni dall’istituzione del Tribunale Penale Internazionale sui Crimini di Guerra in ex-Jugoslavia il IX Festival della Diplomazia porta per la prima volta il Italia, la mostra con foto e documenti inediti.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

20 Settembre 2018 Giovedì 14:12
Approdo

da 04/10/18 a 17/11/18

MAC Maja Arte Contemporanea

La prima personale della scultrice Angela Maria Piga, presentando per la prima volta al pubblico una selezione di opere inedite in ceramica realizzate tra il 2017 e il 2018.
Nata a Roma nel 1968, Angela Maria Piga giunge all'arte visiva attraverso un percorso di tipo letterario e curatoriale. Dapprima gallerista d'arte quindi giornalista nel settore di arte e architettura oltre che autrice, dopo più di venti anni spesi nell'osservazione continua e costante dei fenomeni e delle forme artistiche, nel 2017 decide di "passare dall'osservazione all'azione" dando il via ad un'intensa attività attraverso il lavoro con la ceramica.

A cura di Daina Maja Titonel

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

20 Settembre 2018 Giovedì 13:56
CROSSROADS - LT 100 - grafica d'arte di artisti lituani

da 29/09/18 a 20/10/18

Galleria “Arka”, Vilnius
Associazione Culturale “Alea Contemporary Art”, Roma
Associazione Culturale “Lab 174”, Roma
Curatori DovileTomkutė, Frank Martinangeli, Maria Gabriella Quercia

La mostra, organizzata dalla galleria “Alea Contemporary Art” nel centenario dell’indipendenza della Lituania, porta a Roma il lavoro di 15 rinomati artisti Lituani, tra i quali spicca il nome di Leonas Lagauskas.
Artista di fama nel campo dell’incisione, il professor Lagauskas ha insegnato per molti anni presso il dipartimento di Arti Grafiche dell’Accademia d’Arte di Vilnius. Molti degli Artisti presenti nella mostra romana sono stati suoi allievi.
 
La mostra “Crossroads-LT 100”rappresenta la seconda parte di un progetto di scambio culturale tra Italia e Lituania, iniziato nel maggio 2018 presso la galleria “Arka” di Vilnius. Arka ha ospitato una mostra collettiva di artisti Italiani, rappresentati dalla galleria“Alea Contemporary Art” di Roma, specializzata nel campo delle arti grafiche.
Il titolo “Crossroads” esprime l’interesse a ricercare i punti di contatto, ma anche le differenze, delle due culture artistiche, allo scopo di suscitare una creativa contaminazione foriera di promettenti risultati artistici.
 
L’evento romano aggiunge un ulteriore tassello al mosaico di mostre d’arte lituana che si sono svolte in tutto il mondo: Stati Uniti, Germania, Austria, Grecia, Islanda, Svezia, Polonia, Russia.

leggi l'articolo
© 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
| | mostre |
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
permalink

1-10 di 51 risultati >>

Altre sezioni per - Auditorium - Concerti



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito