Er porco sur terazzo

Maria Grazia Rinaldi

Pe' me che mò ciò quasi quarant'anni
parlà de guerra nun vôle dì poi tanto
c'è invece chi nun se ne scorda i danni
e si ce pensa j'aritorna er pianto

E ner parlà de quei tempi "de gloria"
mi' madre m'aricconta 'n fatterello
che j'è rimasto drento la memoria
perchè è 'n ricordo de mi' zio, er fratello

Succede che a Trastevere viveveno
drento 'na casa in via della Pelliccia
indove, visti li fatti che accadeveno,
ce s'è sentito odore de sarciccia

'Sta casa che contava cinque vani
ciaveva sule scale 'n terrazzone
indove li pupi de quell'antri piani
veniveno a giocà tutti a pallone

Un giorno viè 'n parente che ciaveva
'n porco da ingrassare pe' er macello
ma poveraccio propio nun sapeva
indove trovà lo spazzio pe' tenello

Allora l'allocarono in terrazzo
drento 'na casettina fatta apposta
lì s'abbuffava e in mezzo a lo schiamazzo
diventò grasso e la pellaccia tosta

Mi' zio ch'era 'n bimbetto cicciottello
e che ciaveva sempre tanta fame
voleva così bene a 'sto porcello
chè lo trattava come fosse 'n cane

Carlo l'avèa chiamato e ce parlava
annava spesso a faje compagnia
ma poi de notte se l'arinsognava:
'na fila de sarcicce pe' la via!

Mò 'n giorno che faceva 'n temporale
e la mannava giù Dommineddio
se scatenò 'n casino pe' le scale
perchè nun se trovava più 'sto fijo

Cerca che cerca questo ch'è sparito
doppo lo ritrovòrno còr maiale
co' 'n ombrellino tutto intirizzito
lo stava a riparà dar temporale

E fu 'na scena commica davero
perchè er maiale che s'era allargato
mò nun ce entrava più tutto pe' intero
e nella cuccia j'amancava er fiato

E staveno così mezzi de fôri
cercanno a quer diluvio un po' de scampo
e mi' zio je diceva: "Si te mori
nun me rassegnerò fino a che campo!"

Doppo quer poro porco fu ammazzato
e le sarcicce, zio, manco l'ha viste
eppure lui l'aveva riparato,
ar monno la giustizia nun esiste!

E mò che è morto puro poro zio
forse lissù quarcuno cià pensato
forse co' la clemenza der bon Dio
ha ritrovato Carlo suo adorato

E stanno a banchettà belli e contenti
l'angioli, li Santi, er Paradiso tutto
e in mezzo zio che a pieni sentimenti
se sta a magnà 'na cesta de preciutto

Guarda mi' madre che sta su la tera
je manna 'n bacio in punta de le dita
in celo s'è scordato de la guera
in celo quela fame j'è sparita

"Giovà - je dice - qui nun se sta male
la fame nun la sento più davero
te l'aricordi Carlo, che maiale...
sta qua, l'ho ritrovato tutt'intero!"

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE