La scerta der Papa

Gioacchino Belli

Sò fornaciaro, sì sò fornaciaro,
sò un cazzaccio, sò un tufo, sò un cojone:
ma la raggione la capisco a paro
de chiunque sa intenne la ragione.

Scejenno un Papa, sor dottor mio caro,
drent'a 'na settantina de perzone,
e manco sempre tante, è caso raro
che s'azzecchino in lui qualità bone.

Perché s'ha da creà sempre un de loro?
Perché ogni tanto nun ze fa filice
un brav'omo che attenne ar zu' lavoro?

Metté;mo caso: io sto abbottanno er vetro?
Entra un Eminentissimo e me dice:
sor Titta, è Papa lei: vienghi a San Pietro.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE