Er morto de campagna

Cesare Pascarella

I.

C'erimo io, Peppetto de li Monti,
Checco Cacca, Gigetto Canipella.
Chi antro c'era?...L'oste a via Rasella,
Stefeno er tornitore a Tor de Conti.

E, me pare, er droghiere a li du' Ponti,
Cencio la Quaja, Zio de la Renella,
Er Teoligo, Peppe... e la barella.
All'una e un quarto stamio tutti pronti.

Prima d'usci', mannassimo Nunziata
A giocacce dar Sordo un ambo sciorto:
Cinque mortorio e trenta la giornata.

Poi sentissimo bene da Gregorio,
Er mannataro, dove stava er morto,
E uscissimo a le due da l'Oratorio.


II.

Quanno stamo un ber po' for de le mura,
Dice: -- Passamo pe' la scortatora,
-- Ah, Nino, dico, si nun è sicura,
Bada che non uscimo piú de fora.

-- Ma, dice, annamo, nun avé' paura:
Ce venni a caccia pe' la Cannelora. --
E annamo. Peppe mio, che fregatura!
Stassimo pe' la macchia un frego d'ora.

Sotto a le Capannelle de Marino
Trovassimo 'na fila de carretti,
Che veniveno a Roma a portà' er vino;

E a forza de strillaje li svejassimo,
Che dormiveno tutti, poveretti;
E lí a lo scuro je lo domannassimo.


III.

-- Avete visto gnente un ammazzato ?
Dice -- Vortate giú pe' 'ste spallette,
Annate a dritta, traversate er prato;
Quanno sete arrivati a le Casette,

Domannatelo a l'oste der Curato
Che ve l'insegna. -- Quanto ce se mette?
Dice: -- si annate a passo scellerato
Ce metterete sempre un par d'orette --

Ritornassimo addietro viciversa,
Fijo de Cristo! co' le cianche rotte.
Quanno stassimo sotto a la Traversa,

Lí, li carretti ce se slontanorno,
E noi daje a girà, tutta la notte
Finché a la fine ce se fece giorno.


IV.

Che giornata, Madonna! Nera, nera,
Che pareva dipinta cór carbone,
Che proprio nun te fo esagerazione,
Era matina e ce pareva sera.

Se mettessimo sotto a 'na macèra
Morti de fame pe' magnà' un boccone.
Venne un'acqua! Ce prese 'no sgrullone
Che nun vedemio piú celo né tera.

Spiobbe. Se rimettessimo in cammino;
Ma indovinece un po'? Riannamo a sbatte'
Sotto a le Capannelle de Marino.

Ma basta, er fatto sta, tanto cercassimo
Immezzo a li canneti, pe' le fratte,
Pe' li fossi, che arfine lo trovassimo.


V.

Stava infrociato là a panza per aria,
Vicino a un fosso, accanto a 'na grottaccia,
Impatassato drento a la mollaccia...
C'era 'na puzza ch'appestava l'aria.

Le cornacchie e li farchi da per aria
Veniveno a beccàjese la faccia,
E der pezzo de sopra de le braccia
C'era rimasto l'osso. Che barbaria!

E ne l'arzallo pe' portallo via,
Je trovassimo sotto un istrumento
Lungo cusí, che mo sta in Pulizia.

Poi don Ignazio disse le preghiere;
E tornassimo co' le torcie a vento,
Pe' la macchia, cantanno er Miserere.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE