Venerdì 6 Marzo 2020 01:03

Dear World, Please don’t abandon us. Love, Italy

Dear World, I don’t know about you, but I’m feeling like I want to take a time out. Even just for a minute. From terms like coronavirus and missiles and forest fires and climate change. Not because any or all of these aren’t matters of importance but because sometimes what we need is a little calm and a whole lot of perspective. And what Italy needs right now is for
Continue reading...

read the news on HeartRome



Dear World,

I don’t know about you, but I’m feeling like I want to take a time out. Even just for a minute. From terms like coronavirus and missiles and forest fires and climate change. Not because any or all of these aren’t matters of importance but because sometimes what we need is a little calm and a whole lot of perspective.

And what Italy needs right now is for global travelers and the world to know that most of the country is open for business.

I am a dual citizen. An Australian living in Italy, Rome to be precise. Not because – as I often get asked – I fell in love with an Italian (although that’s happened on a few occasions too) or because of work or study. Quite simply, I moved to Rome because I fell hopelessly in love with Rome. I have spent the better part of the last decade making the Eternal City my own. I am a food and travel writer and an author. I have made a life here out of showcasing Rome in all her splendor, awe, wonder and even imperfection, to the world through my work, my blog and social media channels.

But right now, my heart is breaking. For this city, for my country. For how the global hysteria around the Coronavirus is already impacting Italian tourism. My heart breaks for the businesses who this week have seen a slow down, for the hotels, restaurants and tour operators who are dealing with cancellations. Working in the industry myself, many of these people aren’t just my colleagues but my friends.

The recent Coronavirus outbreak in 11 towns in northern Italian has seen images of empty supermarket shelves, quarantined communities and masked soldiers go viral. Sensationalist headlines in both Italian and foreign press have created a debilitating climate of fear. Italian air carriers have been turned away at airports, a number of countries have closed their borders to Italy and while travel restrictions are not currently in place for the majority of countries, the fear of perhaps having to self-quarantine on return from Italy is enough to deter even well seasoned travelers.

I am in no way attempting to trivialize the global concern. And it goes without saying, that anything new or unknown can be seen as unpredictable. And we need to be vigilant, yes. But death toll and rising infected numbers often don’t tell the whole story. And there is much misinformation circulating. It’s why I implore you to gather the right information and if you’re headed to Italy or considering it, please know that until further notice and away from the affected towns, it’s totally safe.

What I’d also like to remind you is that the Lombardy region and Veneto regions should also remain on your list for future travel. Because we all need to remember that in most cases, emergencies have an end date. When the quarantine period is over, that will mean that life can go back to normal for these locals. In the meantime and in a show of improvement, the Milan Duomo has reopened and businesses there and in Venice are trying to slowly get back on their feet.

I’m happy to report that all is well in Rome and until local and international authorities advise otherwise, it’s currently safe to travel here. Yes, some countries have increased their alerts for caution and of course, before traveling it’s recommended you check with your embassy or insurance provider about the risks.

Here, locals are trying to go about their lives in a normal way, following national health ministry advice on hygiene and for the most part, it’s business as usual. And so, until further notice, I ask: please don’t abandon us.

I wrote this letter out of love and reason.

Because sadly, Italy has been in the throes of an economic crisis for the last 10 years. If the tourism sector that brings over 60 million visitors a year collapses too, immediate and long term prospects are grim. And going into further recession will impact so many things – like the production, import and export of Made in Italy items that the world loves, labor force and unemployment, our status as a wealthy economy in the G8 and on a social level, the general well being of its people.

The world needs more calm. Not panic. Or misinformation.

And Italy needs you! Unless advised by your doctor or embassy, you are doing yourself a huge disservice by canceling a trip to Italy or not considering it for your summer vacation.

Because, well – I’ll tell you why.

You’d be missing out on the best carbonara of your life and ancient ruins in Rome, the renaissance magic of Florence, the breathtaking coastline of the Amalfi Coast, boat days on Capri, losing yourself in the turquoise waters of Sardegna, bicerin and gianduiotti in Torino, granita and cannoli in Sicily and pizza so heartbreakingly delicious it may make you cry in Naples. The sights and sounds. The stirring deep in your soul that only Italy can conjure. From north to south, countryside to the islands. The markets, the Vespas zooming by, the bar and that coffee, the art, the architecture, the culture, the people. An Aperol spritz on a rooftop somewhere. Sipping Italian wine anywhere. La Dolce Vita and the Italian art of stopping to take a moment; the art of doing nothing but taking life in: il dolce far niente.

World. Italy needs you. And you need Italy, you always have. Know this: most of Italy is open for business. Seek out information from qualified sources. Don’t panic. And I hope I’ll run into you on a cobblestone street in our beloved Roma soon.

Love Italy (written by Maria Pasquale)

Maria Pasquale is an award-winning food and travel writer based in Rome. She is the author of I Heart Rome, blogs at heartrome.com and you can follow her adventures at @heartrome on Instagram.

VERSIONE ITALIANA

Caro Mondo, 

Non ci abbandonare, 

Con affetto, l’Italia 

Caro Mondo,

Non so te, ma sento proprio il bisogno di una pausa. Anche per un attimo. Da concetti come coronavirus, missili, incendi boschivi e cambiamento climatico. Non pensare che lo faccia perché questi temi non mi stanno a cuore, piuttosto perché credo che alle volte quello di cui abbiamo più bisogno, per affrontare le situazioni difficili, siano un pizzico di calma e una prospettiva diversa.

Ciò di cui l’Italia ha più bisogno in questo preciso momento è di far sapere ai viaggiatori – e a tutto il mondo – che gran parte del Bel Paese è florido e aperto al turismo.

Mi reputo una persona fortunata perché ho il privilegio di avere la doppia cittadinanza: australiana, quindi del paese in cui sono nata e cresciuta e quella italiana, ereditata dai miei genitori. Da diversi anni vivo a Roma e non perché, come spesso mi viene chiesto, mi sia innamorata di un italiano (anche se é capitato), né per motivi di studio o di lavoro.

Ho scelto di trasferirmi qui semplicemente perché mi sono accorta di essermi perdutamente innamorata della Città Eterna. Ho trascorso la quasi totalità dell’ultimo decennio a Roma, cercando con tutta me stessa di farla mia. Sono una corrispondente per la stampa estera e blogger, mi occupo di gastronomia e viaggi. La mia vita è il riflesso della Roma incantevole che i miei lettori amano e seguono, sia da vicino che a distanza, in tutto il suo splendore, con tutte le sue meraviglie e imperfezioni. Tutto ciò è tema ricorrente nel mio lavoro, nei miei articoli, nel mio libro, nei miei canali social e blog. In sostanza, perché si tratta di ciò in cui credo davvero.

In questo preciso momento storico, sento il mio cuore che si spezza in due. Per la città in cui vivo, per il mio paese; per come l’isteria globale attorno al Coronavirus sta influenzando drammaticamente l’industria del turismo in Italia.

Sto male al pensiero di quello che stanno subendo le attività commerciali in queste ultime settimane: i ristoranti, gli hotel, i tour operator non stanno facendo altro che ricevere cancellazioni. Con dolore sono costretta a vedere tutto questo da vicino sia perché lavoro da molti anni in questo settore, ma anche perché, molti colleghi che stanno affrontando questo momento difficile sono diventati, negli anni, dei cari amici.

L’epidemia di Coronavirus che ha colpito le 11 cittadine del nord Italia ci ha mostrato immagini, ormai virali, di supermercati vuoti, comunità in quarantena, soldati. Le testate giornalistiche – sia italiane che straniere – sono tappezzate da titoli sensazionalistici, che non hanno fatto altro che diffondere un clima di sconforto misto a terrore. I voli delle compagnie aeree italiane sono stati bloccati all’estero.  Simili restrizioni di viaggio non sono state attuate in tanti altri paesi e quindi, la paura di essere sottoposti alla quarantena obbligatoria una volta tornati in patria, è un deterrente sufficiente a scoraggiare anche i viaggiatori più entusiasti.

Sia chiaro, non è mia intenzione sminuire quello che sta succedendo a livello globale. È giusto non sottovalutare eventi simili perché sono nuovi e sconosciuti, e come tali, se presi alla leggera, possono avere effetti imprevedibili. Non dobbiamo abbassare la guardia, questo è certo. Non credo però che i bilanci sul numero dei morti e sul numero crescente delle persone infette siano gli unici dati su cui dobbiamo soffermarci. Credo e temo che l’allarmismo e la cattiva informazione attorno a noi stiano contribuendo a peggiorare la percezione dei fatti, rendendoli più drammatici di quanto lo siano in realtà.


È per questo che prego tutti e ciascuno di voi di verificare che le fonti da cui stiamo attingendo le informazioni, accertandoci della loro attendibilità.

Io stessa sto facendo questo tipo di verifiche e per questo vi anticipo che, se avete pianificato un viaggio in Italia, o se la state considerando come vostra prossima meta, a parte le cittadine colpite dal virus e salvo diverse disposizioni, siete al sicuro.

Ci tengo inoltre a far presente che le regioni Lombardia e Veneto possono continuare ad essere tra le vostre future destinazioni di viaggio. Le emergenze, nella maggior parte dei casi, hanno un inizio e una fine. Non appena terminato il periodo della quarantena, i cittadini locali potranno tornare alla vita di sempre. In alcune città la vita sta già tornando quella di sempre: ad esempio, il Duomo di Milano ha già riaperto, come molti altri siti e come anche a Venezia, dove tutto sta tornando gradualmente alla normalità. Sono felice di potervi dire che a Roma va tutto bene e che, salvo diverse comunicazioni da parte delle autorità locali e internazionali, si tratta di una destinazione sicura. Se lo stato di allerta è aumentato in alcune città è solo per precauzione e sì, prima di viaggiare è altamente consigliato di verificare tramite la propria ambasciata o compagnia assicurativa gli eventuali rischi a cui si andrebbe (o non si andrebbe) incontro.

I cittadini italiani stanno continuando la loro vita senza disagi, seguendo le direttive del Ministero della Salute per quel che concerne le norme igieniche. Insomma, possiamo dire che tutto è come al solito.

Alla luce di quanto appena detto vi chiedo: per favore, non abbandonateci.

Ho scritto questa lettera per amore e con un motivo ben preciso.

L’Italia è stata investita da una forte crisi economica negli ultimi dieci anni. Se l’industria del turismo, che porta nel Bel Paese oltre 60 milioni di turisti all’anno, collassa, le prospettive sia a breve che a lungo termine non potranno che essere drammatiche. Andare incontro a una nuova recessione significa danneggiare l’economia italiana sotto molteplici aspetti: saranno indeboliti i produttori diretti, l’import-export del rinomato Made in Italy e la forza lavoro del paese. Aumenterà in maniera esponenziale la percentuale di disoccupazione. Ne usciranno indeboliti la nostra posizione all’interno del G8 e, a livello più generale, il benessere generale degli italiani.

Il mondo ha bisogno di calma. Non di panico. Non di cattiva informazione.

E l’Italia ha bisogno di te! Perciò, a meno che tu non sia stato scoraggiato dal tuo medico o dell’ambasciata del tuo paese, se stai cancellando il tuo viaggio in Italia – o se hai rinunciato a considerarla come meta delle tue vacanze estive, stai facendo un grosso errore di valutazione.

Perché…va bene, se proprio hai bisogno che sia io a ricordartelo…ti dico perché.

Perché perderesti l’opportunità di assaggiare una vera carbonara – la migliore della tua vita! Perché non potrai ammirare i Fori Romani e una delle sette meraviglie del mondo moderno – il Colosseo; perché ti perderesti il fascino del Rinascimento a Firenze, gli spettacolari paesaggi della Costiera Amalfitana, le giornate in barca a Capri, un bagno nelle magiche acque turchesi della Sardegna, il bicerin e i gianduiotti a Torino, la granita e i cannoli che solo in Sicilia sanno fare a regola d’arte. Perché perderesti l’occasione di assaggiare la pizza napoletana, che fa letteralmente commuovere per quanto è buona.


Perché ti perderesti i sospiri, i suoni, quel brusìo dell’anima che solo in l’Italia è in grado di provocare quando meno te l’aspetti. Da nord a sud, dalle isole alla montagna. I mercati, le Vespe sfrecciare in ogni dove, i bar, i caffè; per non parlare dell’arte, dell’architettura, della cultura, della gente. Perché rinunci a un Aperol spritz su una terrazza panoramica. A sorseggiare del buon vino italiano. Perché non potrai conoscere La Dolce Vita e il talento, tutto italiano, di fermarti per un momento e ammirare il bello che ti circonda; l’arte del non far niente, succhiando comunque tutta la vita possibile attorno a te: il dolce far niente.

Mondo. L’Italia ha bisogno di te. E tu hai bisogno dell’Italia. Ne hai sempre avuto e sempre ne avrai. Non dimenticare che gran parte dell’Italia è qui, attiva e aperta alla vita. Cerca informazioni da fonti qualificate. Non farti prendere dal panico.

Spero di incontrarti presto, magari ci ritroveremo tutti a passeggiare per le strade fatte di sanpietrini della nostra amata Roma.

Con affetto, l’Italia

(scritto da Maria Pasquale)

Maria Pasquale è una pluri-premiata scrittrice di gastronomia e viaggi. Vive a Roma. È autrice del libro I Heart Rome, il blog
heartrome.com
 e puoi seguire le sue avventure su Instagram (
@heartrome
)

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE