L'anno Santo

Gioacchino Belli

Arfine, grazziaddio, semo arrivati
All'anno-santo! Alegramente, Meo:
Er Papa ha spubbricato er giubbileo
Pe ttutti li cristiani battezzati.

Beato in tutto st'anno chi ha ppeccati,
Ché a la cuscenza nun je resta un gneo!
Basta nun èsse giacobbino o ebbreo, n'antra
razza de cani arinegati.

Se leva ar purgatorio er catenaccio;
E a l'inferno, peccristo, pe quest'anno,
Pòi fà, pòi dì, nun ce se va un cazzaccio.

Tu và a le sette-chiese sorfeggianno,
Méttete in testa un po' de cenneraccio,
E ttienghi er paradiso ar tu' commanno.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI