Roma

Maria Grazia Rinaldi

Teatro a cielo aperto
musa delle mi' sere
de clacson in concerto
e de serande nere

Io scopro che quei buci
ner vecchio Anfiteatro
so' le crepe che er tempo
ner tempo ha provocato

Basiliche de gente,
cattedrali de erori,
fontane de illusioni,
colonne de martìri,
catacombe de frodi
e der monno de sotto
su cui s'aggira 'n pubblico
nun sempre in doppio petto

Riempo co' la vista
de quello che te eri
er vôto lacerante
de li giorni più neri

Roma, città museo
d'ogni bellezza musa,
er mito de Persèo
contro la su' Medusa
rivivo tra li tentacoli
tui, fiera Gorgòne

A vorte nun te guardo
nell'occhi e te posseggo
a vorte per amore
allo sguardo tuo nu' reggo
e me trasformi in pietra
fra li marmi tui, là...
e forse è questo er dono

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI