Li sordati bboni

Gioacchino Belli

Subbito c'un zovrano de la terra
crede c'un antro j'abbi tocco un fico,
disce ar popolo suo:" Tu sei nimmico
der tale o dder tar re! ffà;jje la guerra":

E er popolo, per sfugge la galerra
o cquarc'antra grazzietta che nnun dico
pijja lo schioppo, e viaggia com'un prico
che spedischino in Francia o in Inghirterra.

Ccusì pe li crapicci d'una corte
ste pecore aritorneno a la stalla
co mmezza testa e cco le gambe storte.

E cco le vite sce se ggiuca a palla
come quela puttana de la morte
nun vienissi da lei senza scercalla

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI