La sposa

Gioacchino Belli

Eppuro avanti a te, core mio bello,
sibbè che sana nun me ciài trovata,
gnisunantro m'ha fatto er giucarello:
e ècchete la cosa com'è annata.

Un giorno in d'un ortaccio a Marmorata,
pe curre appresso a un maledett'ucello
scivolo: un pass'in farzo, una scosciata,
'na distrazzion de nerbi..., ecco er fraggello!

Pe fatte vede che nun so' bucìe,
te dico che fu tanta la pavura,
che m'agnedeno via le cose mie.

Eppoi me pare 'na caricatura
sto sano o rotto, e ste cojonerie:
io ciò er bucio? e tu er cazzo che l'attura.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI