L’aribbartato

Gioacchino Belli

Te lo saressi creso, eh Gurgumella,
ch’er zor paìno, er zor dorce-me-frega,
che mmanco ha ffiato per annà a bbottega,
potessi slargà er buscio a ’na zitella?

Tu nu lo sai ch’edè sta marachella;
tutta farina de quell’antra strega.
Mo che nun trova lei chi jje la sega,
fa la ruffiana de la su’ sorella.

Io sarebbe omo, corpo de l’abbrei,
senza mettécce né ssale né ojjo,
de dàjjene 4 tre vorte trentasei:

ma nun vojo piú affríggeme nun vojjo;
che de donne pe ddio come che llei
’ggni monnezzaro me ne dà un pricojjo

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI