Er giorno de Natale

Gioacchino Belli

Sti poveri canonichi stanotte
nun hanno fatto antro c’una vita:
canta che tt’aricanta! eh a ffasse fotte
sta galerra per dio cuann’è ffinita!

Povere ggente! tanto bbrave e ddotte,
si ddureno un po’ ppiú, pe lloro è ita!
Bbono che ppoi c’è er zugo de la bbotte
pe rrimétteje er zangue a la ferita.

Anzi, stanotte, sciaripenzo mone,
sempre è stato a bbullí ccerto callaro
pieno d’acquaccia e petti de cappone.

E ppe cquesto hai veduto, Orzola mia,
che, de sti preti sciorcinati, un paro
ne curreva ogni tanto in zagristia.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI