Nunziata e ’r Caporale

Gioacchino Belli

Titta, lasseme annà: che!, nun te bbasta
de scolà er nerbo cincue vorte e mezza?
Vò’ un bascio? tiello: vôi n’antra carezza?...
Ahà! da capo cor tastamme! oh ttasta.

Ma tte stai fermo? Mica sò dde pasta,
ché mme smaneggi: mica sò mmonnezza.
Me farai diventà ’na pera-mezza!
Eppuro te n’ho data una catasta!

E per un giulio tutto sto strapazzo?
Ma si mme vedi ppiú pe ppiazza Sora ...
Oh vvia, famme cropí, cc’ho ffreddo, cazzo!

Manco male! Oh mmó ppaga. Uh, ancora tremo!
Addio: lasseme annà a le cuarantora,
e öggi, si Ddio vò, cciarivedemo.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI