Servizi > Feed-O-Matic > 136970 🔗

Martedì 7 Settembre 2021 13:09

Natura, corpo, anima, simbolo: una mostra internazionale

Nella Trastevere che dopo lunghi mesi di assordante silenzio torna a riascoltare i brusii delle persone che cominciano a ripopolare 
… Continua...

leggi la notizia su Cultura – Abitare A Roma




Nella Trastevere che dopo lunghi mesi di assordante silenzio torna a riascoltare i brusii delle persone che cominciano a ripopolare i suoi vicoli è possibile seguire, e non solo fisicamente, le voci di alcune donne che insieme, coordinate da Rita Valenzuela (presidente ed organizzatrice), hanno presentato diverse loro opere in una mostra internazionale d’arte collettiva: Natura, corpo, anima, simbolo.


In Via del Moro, 49, presso Il laboratorio non si è solo svolta dal 1 al 5 settembre la mostra d’arte internazionale collettiva ma è stata realizzata una esperienza internazionale di arte e di consapevolezza delle donne.

Le pareti del locale, animate dalle opere delle numerose artiste erano porte verso altri mondi, altre dimensioni, altri luoghi segreti e nascosti agli occhi di distratti visitatori ma che potevano essere visitati grazie alle appassionate spiegazioni delle autrici.

Segreti nascosti nei quadri, richiami alla mitologia classica, riferimenti e denunce per le condizioni socioculturali delle donne nel mondo, intimi pensieri da custodire e proteggere con forza e determinazione; non era una semplice mostra d’arte era la possibilità di osservare il mondo delle donne da una prospettiva privilegiata, quello delle artiste che provenendo da diversi paesi d’origine, hanno rappresentato il loro pensiero su sé stesse e sulle donne.


Natura, corpo, anima, simbolo; in ogni opera era rappresentata la forza di coloro che non appartengono all’altra età del cielo, ma ne sono parte essenziale, e ne devono poter rivendicare, a buon diritto, la comproprietà.

La consapevolezza di essere, la forza di esserci come una voce un po’ più forte delle altre era questo il coinvolgente messaggio che si poteva comprendere partecipando alla mostra.

Il tempo delle donne può, deve essere infinitamente presente ma deve anche essere obbligatoriamente proiettato al futuro coinvolgendo sempre di più donne e uomini in un percorso di consapevolezza del proprio valore, nel quale ogni donna si dovrà sentire protagonista del proprio tempo.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI