Servizi > Feed-O-Matic > 137177 🔗

Mercoledì 8 Settembre 2021 06:09

Battuta d’arresto per il “treno” di Andrea Coia

Il TAR ha sospeso lo spostamento delle bancarelle di via Cola di Rienzo, una vittoria che l'assessore al commercio aveva già festeggiato intorno a ferragosto

L'articolo
Battuta d’arresto per il “treno” di Andrea Coia
sembra essere il primo su
Diarioromano
.

#commercio ambulante #in primo piano #bancarelle regolari
leggi la notizia su Diarioromano



“Andremmo come un treno“.
Il 16 agosto l’assessore Coia ha festeggiato sulla sua
pagina facebook
la decisione della giunta di spostare le bancarelle di via Cola di Rienzo e strade limitrofe.

Questo l’entusiastico testo completo dell’assessore:

“Vittoria per il Decoro a Via Cola di Rienzo

Abbiamo portato a casa una grande vittoria per ripristinare il decoro nel I Municipio.
Pensavano di fermarci con cavilli burocratici, depistaggi e rimpallo di competenze, ma li abbiamo inchiodati alle proprie responsabilità fino a imporre il rispetto delle regole: non riusciranno mai a interrompere la nostra azione di governo per il riordino del commercio su area pubblica, finalizzata a migliorare la città in cui viviamo, a partire da alcune storture che da decenni sono sotto gli occhi di tutti.
Continua dunque il processo di delocalizzazione delle postazioni commerciali ambulanti e registriamo oggi un enorme successo: finalmente riportiamo ordine su via Cola di Rienzo e strade limitrofe, spostando sedici bancarelle che saranno ricollocate in via Fra’ Albenzio e sul piazzale antistante la stazione della metro A Cipro.
Solo quattro postazioni resteranno fuori, in un primo momento, da questa operazione di riordino: si tratta di quattro licenze definite “anomale”, per le quali abbiamo anche interessato la procura e chiesto agli uffici competenti di chiudere al più presto il processo di conversione.
Anche queste ultime andranno a liberare spazi importanti nel pieno rispetto del Codice della Strada, della sicurezza, del decoro e della qualità dell’ambiente urbano.
Lo scempio che vedete nelle foto finirà presto
Andremo come un treno,
#AvantiConCoRAGGIo
!“
 

Il Coia deve essersi fatto prendere un’altra volta la mano, compiacendosi e incensandosi per il solo fatto che la giunta di cui fa parte aveva deciso di spostare delle postazioni ambulanti. Come deve ben sapere anche lui, i cavilli vengono sollevati a valle di quella decisione, quando i provvedimenti raggiungono gli operatori commerciali i quali cominciano a fare tutte le opposizioni possibile.

 

Ma evidentemente la necessità di portare a casa un risultato di tale entità in periodo elettorale gli ha fatto semplificare la storia.

Nulla di nuovo sotto il sole, avendoci gli esponenti del M5S, a partire dalla stessa sindaca Raggi, abituato a dichiarazioni esagerate scollate dalla realtà dei fatti.

 

L’udienza di merito del TAR si terrà il 5 ottobre, il giorno dopo delle elezioni amministrative, per cui il Coia vedrà terminare il suo mandato con le bancarelle di Cola di Rienzo ancora lì.

Peccato per lui, che aveva dato la cosa per fatta. Sono state anche disegnate le striscie verdi presso il piazzale della stazione metro Cipro, per indicare la nuova posizione delle bancarelle:

 



 

Su questa storia è stato facile profeta l’amico Fabrizio Mencaroni, che nel
documentare le nuove striscie
realizzate a Cipro, ha parlato di “ennesimo scoop mediatico pre elettorale“.

 

Si direbbe quindi fallita l’accelerazione che il Coia ha provato a dare a questa vicenda, come d’altronde facilmente prevedibile ricordandosi tutti i cavilli sollevati dagli ambulanti al tempo del grande spostamento di bancarelle di Ignazio Marino.

 

Quello che troviamo davvero intollerabile è però leggere il Coia che parla di scempio a Cola di Rienzo, come se nei passati cinque anni lui fosse stato altrove e non abbia invece svolto il ruolo di eminenza grigia del commercio a Roma. Andrea Coia è stato infatti prima presidente della commissione commercio dell’Assemblea Capitolina, e poi nominato assessore.

Ebbene, a parte l’ultimo paio di mesi in cui sembra abbia avuto una folgorazione, il Coia ha improntato il suo mandato ad una politica di totale contrasto all’applicazione della direttiva europea “Bolkestein”. Fu lui che in qualche modo costrinse alle dimissioni l’assessore Meloni, il quale aveva addirittura fatto cominciare uno studio per ristrutturare tutto il commercio ambulante a Roma cogliendo l’occasione della Bolkestein.

Ma il Coia no, per tanti anni non ne ha voluto sapere di mettere mano alle bancarelle a Roma, difendendo così gli interessi della lobby, ed ora ha provato a recuperare in poche settimantutto quello che non ha fatto per cinque anni, ma gli è andata male.

 



 

Speriamo che i provvedimenti di spostamento siano ben fatti e riescano quindi a reggere davanti al TAR e, prevedibilmente, anche di fronte al Consiglio di Stato.

Ci vuole ancora tempo per dare per conseguito lo spostamento delle postazioni ambulanti da via Cola di Rienzo e solo qualcuno intellettualmente disonesto, come il Coia ha spesso dimostrato di essere, poteva già festeggiare la vittoria.

L'articolo
Battuta d’arresto per il “treno” di Andrea Coia
sembra essere il primo su
Diarioromano
.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI