Servizi > Feed-O-Matic > 152753 🔗

Lunedì 11 Ottobre 2021 08:10

Tartufo: 5 miti +1 da sfatare

Sfatiamo qualche mito? Verità & menzogne sul tartufo

L'articolo
Tartufo: 5 miti +1 da sfatare
proviene da
Barefood in Rome
.

#tartufo #lady truffle tartufi
leggi la notizia su Barefood in Rome



Dovete sapere che su questa preziosa delizia ,come per molte materie prime d’eccellenza, aleggiano falsi miti, leggende e mezze verità che possono trarre in inganno.  In questo caso  sono solo un expertise consolidata e una profonda conoscenza della materia a fare la differenza. Avanti, vi sfato qualche mito!


Premetto che come ogni prodotto fresco sarebbe meglio consumare il tartufo subito dopo la raccolta. Per conservarlo correttamente basta munirsi di carta assorbente da cucina e un contenitore ermetico, meglio se di vetro, e riporlo in frigo. Consiglio pratico: abbiate cura di cambiare la carta ogni giorno. Il tartufo non tollera l’umidità. Il falso mito del riso rischierebbe di asciugare troppo, oltre all’umidità del contenitore, anche il tartufo stesso privandolo cosi di parte del suo aroma e sapore. Potrete fare poi un buon risotto al sapore di tartufo ma con il prezioso fungo ci farete poi ben poco.

Il tartufo deve essere ben pulito dai residui di terra ma non sbucciato. E’ forse una patata? Basta una spazzolina con le setole leggermente umide ed il gioco è fatto.


Faccio sempre questo paragone: fareste mai montare un diamante su un pezzo di latta? No, vero? Il principio è lo stesso: per affettare questo diamante della terra bisogna utilizzare il giusto strumento, l’affetta-tartufi! Per di più, se il tartufo in questione è bianco, assolutamente bandito grattugiarlo. Per godere al massimo del suo aroma va affettato a petali sottilissimi. Se si tratta di tartufi neri possiamo concederci una défaillance con la versione “gratted”, ma solo su determinati piatti che proprio lo richiedono.

Il Tuber magnatum pico (o tartufo bianco pregiato) è il più raro e prezioso perché è l’unico che non può essere coltivato in tartufaia. Cresce spontaneamente e solo in particolari terreni e condizioni climatiche.


Il tartufo lumacato, che in gergo definiamo “mangiato in alcuni punti dalle lumache” è esteticamente, di sicuro, non molto bello, ma vi assicuro che il 99% dei casi è più buono di tanti altri tartufi. Perché? Secondo voi la lumaca si mangia una cosa non buona? Dalla natura c’è sempre da imparare!

Non esiste una regola secondo la quale un tartufo con dimensioni notevoli sia nettamente più buono e maturo rispetto ad un altro più piccolino. Ricordate: un tartufo di 20gr ben maturo è senz’altro da preferire ad uno di 200gr acerbo!

L'articolo
Tartufo: 5 miti +1 da sfatare
proviene da
Barefood in Rome
.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI