Servizi > Feed-O-Matic > 153586 🔗

Martedì 12 Ottobre 2021 15:10

Migranti: «Muri e accordi di esternalizzazione non li contengono, li uccidono»



A denunciarlo è il presidente del Centro Astalli Camillo Ripamonti, dopo la notizia degli ultimi 15 morti in mare al largo della Libia. Alle frontiere d'Europa

L'articolo
Migranti: «Muri e accordi di esternalizzazione non li contengono, li uccidono»
proviene da
RomaSette
.

leggi la notizia su RomaSette





15 migranti morti in mare al largo della Libia. La notizia è di questa mattina, 12 ottobre: nomi e volti che si aggiungono a «un elenco interminabile di morti alle frontiere d’Europa Lo affermano dal Centro Astalli, esprimendo profondo cordoglio per le vittime e al tempo stesso condanna per «ogni forma di chiusura sconsiderata delle frontiere, che ha come effetto principale non tanto di bloccare i migranti bensì di lasciarli morire».

Nelle parole del presidente padre Camillo Ripamonti, «accordi di esternalizzazione con la Libia e la Turchia ormai in vigore da anni, la recente proposta di costruire un muro a protezione dell’Unione europea e la decisione di non accogliere i profughi afgani sono vergognose conseguenze di una cronica mancanza di volontà di gestire in maniera sicura e legale i flussi migratori. L’Europa – esorta – si faccia promotrice di politiche solidali nel rispetto della dignità umana e dei diritti fondamentali di chi scappa da crisi umanitarie, in cui molto spesso gli Stati membri hanno dirette responsabilità».

In concreto, l’invito che arriva dalla struttura dei Gesuiti è ad ampliare canali di ingresso legali, prevedere visti per la ricerca del lavoro e stabilire quote proporzionate di resettlement che consentano di dare protezione in Europa a chi in fuga da guerre e persecuzioni chiede protezione, avendone il pieno diritto».

12 ottobre 2021

L'articolo
Migranti: «Muri e accordi di esternalizzazione non li contengono, li uccidono»
proviene da
RomaSette
.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI