Servizi > Feed-O-Matic > 258353 🔗

Domenica 19 Giugno 2022 18:06

Auto sfonda le transenne in Vaticano e ferisce due agenti

Con l’auto sfonda le transenne in Vaticano durante l’Angelus e nel corso dell’inseguimento ferisce due agenti. La folle corsa iniziata questa mattina nel cuore di Roma al Pantheon è terminata in via Gregorio VII. L’uomo alla guida, un albanese di 39 anni con precedenti penali, è stato fermato e portato in ospedale per accertamenti. Auto…
Continue reading Auto sfonda le transenne in Vaticano e ferisce due agenti

L'articolo
Auto sfonda le transenne in Vaticano e ferisce due agenti
proviene da
MetroNews
.

leggi la notizia su News Roma: cronaca e ultime notizie di Roma oggi - MetroNews



Con l’auto sfonda le transenne in Vaticano durante l’Angelus e nel corso dell’inseguimento ferisce due agenti. La folle corsa iniziata questa mattina nel cuore di Roma al Pantheon è terminata in via Gregorio VII. L’uomo alla guida, un albanese di 39 anni con precedenti penali, è stato fermato e portato in ospedale per accertamenti.

L’auto aveva attirato l’attenzione della polizia locale poco prima delle 10. La pattuglia aveva notato una Bmw entrare nell’area pedonale di piazza del Panthoen. I vigili hanno intimato l’alt ma il veicolo si è allontanato verso corso Vittorio Emanuele. Qui una gazzella del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri ha intercettato l’automobilista, che ha accelerato la sua corsa verso Ponte Vittorio e il Vaticano.

La Bmw ha preso sempre più velocità imboccando via Paolo VI in direzione di piazza del Sant’Uffizio, nei pressi del colonnato di San Pietro. La piazza è anche uno degli ingressi del Vaticano. Le guardie svizzere hanno subito chiuso i cancelli vedendo arrivare la Bmw a folle velocità. L’uomo alla guida ha arrestato per alcuni istanti la sua corsa, tra decine di fedeli presenti per ascoltare il Pontefice in piazza San Pietro, e i tanti turisti in visita alla basilica. I carabinieri che lo tallonavano sono scesi dalla gazzella, ma l’automobilista ha ripreso la sua folle corsa.



A quel punto uno dei militari ha preso la mira e ha esploso un unico colpo di pistola che ha centrato la ruota posteriore destra dell’auto. Ma la Bmw ha ripreso ugualmente velocità in direzione di via Gregorio VII. È stato l’ultimo atto del folle inseguimento. Le sale operative della Questura e del comando provinciale dell’Arma hanno agito in sinergia e diverse pattuglie delle volanti e dei carabinieri si sono messe all’inseguimento dell’auto, che per la sua gimkana nell’area di San Pietro aveva fatto scattare le procedure antiterrorismo.

In via Gregorio VII, poco dopo piazza Pio XI una volante della polizia è stata speronata dalla Bmw. Due agenti sono rimasti feriti. Non sono in pericolo di vita ma sono stati portati in ospedale per accertamenti. Dopo l’impatto con l’auto dei poliziotti, l’albanese si è finalmente fermato.

Gli agenti hanno dovuto sfondare un finestrino perché l’uomo si rifiutava di scendere ed era fuori di sé. Uno dei poliziotti è dovuto ricorrere al taser per riuscire a tirarlo fuori dall’auto. L’uomo, che ha precedenti per droga è maltrattamenti in famiglia è stato anche lui ricoverato.

«Fin dal primo momento non c’è stato alcun dubbio sul fatto che non ci fosse alcun pericolo di minaccia terroristica». Lo ha spiegato il dirigente dell’Ispettorato di pubblica sicurezza Vaticano, Luigi Carnevale. «Le autorità vaticane sono state tempestivamente informate», ha aggiunto.

«L’uomo con numerosi precedenti, soprattutto in materia di droga, era sfuggito a un controllo lontano dall’area di Piazza San Pietro ed è arrivato casualmente nell’area intorno al Vaticano. Inizialmente non c’è stata una reazione più ferma proprio per evitare l’eccessivo allarme fra i fedeli e i pellegrini che a quell’ora erano già numerosi nella zona».

L'articolo
Auto sfonda le transenne in Vaticano e ferisce due agenti
proviene da
MetroNews
.

più letti
Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI