Servizi > Feed-O-Matic > 272694 🔗

Lunedì 1 Agosto 2022 14:08

L’incompreso, di Michela Gallo (G.C.L. Edizioni)

Michela si presenta ai lettori trentaseienne, con una mente a soqquadro in gran percentuale volendo

L'articolo
L’incompreso, di Michela Gallo (G.C.L. Edizioni)
proviene da
Roma Capitale Magazine
.

#arte e cultura #libri e letteratura #news #estate 2022 #l'incompreso di michela gallo #michela gallo
leggi la notizia su Roma Capitale Magazine



Michela si presenta ai lettori trentaseienne, con una mente a soqquadro in gran percentuale volendo essere categorici… ma che ha reso argomento cardine per i suoi scritti, spiegando quant’è dura nobilitarsi cognitivamente, riprendere dei pensieri che latitano di continuo in corto circuito, per riassaporare l’ordinarietà degli eventi di una vita.

Vale eccome chiedersi di che tratta appunto lo stare in carreggiata, se lo squilibrio può avere un senso per l’animo umano, e se quest’ultimo lo sappiamo veramente identificare, e cioè distinguendo il soggetto per così dire schizzato da quello che si ritrova in buone condizioni di salute elaborando osservazioni tra le quali alla Gallo ne spunta una, illuminante: sospettare unicamente del proprio essere significa considerarsi speciali.

Aprendo l’opera di Michela il lettore si potrà soffermare tra tre impostazioni letterarie: nella prima (The Word Of Psycho) lei verseggia tutto ciò che ha nella testa; nella seconda (Per La Società Dei Sani) la parola, armonizzante ma più libera stilisticamente, invita la gente oggettivamente ragionevole a guardarsi dentro; nella terza (La Cura), l’autrice infine sembra che riesca a trovare la soluzione per la psiche, deliziando, creando della comunicazione con una persona fidata benché irreale, giacché bisognosa di non cadere nel vuoto… e qui la Gallo ci tiene a ringraziare chi o cosa le sta vicino in un modo o nell’altro, rilucida un’indole poetica.

Sfogliando le sue pagine, vibra il desiderio di sconfiggere lo stereotipo circa coloro che vengono bollati come pazzi in definitiva, negativamente.

La scrittrice emergente in questione è originaria del cosentino, il 20 novembre compirà 37 anni.

Ha sofferto da ragazzina fino a dopo i vent’anni un tempo trascorrendolo dentro un ritrovo per i cosiddetti “fuori di testa”, oscuro, sfavorevole per le tipiche prime esperienze.

Ma nel 2015 finalmente si convince e sceglie di raccogliere le proprie emozioni senza più dover dare conto agli altri, bussando alla porta dello studio di un medico specializzato, che la sosterrà volendole bene… e difatti adesso Michela Gallo ha un’occupazione, pur provata da un lutto strettissimo intende non fermarsi, assolutamente: le aspetta quel domani a cui dare la forma.

L'articolo
L’incompreso, di Michela Gallo (G.C.L. Edizioni)
proviene da
Roma Capitale Magazine
.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI