Servizi > Feed-O-Matic > 274484 🔗

Sabato 6 Agosto 2022 16:08

Roma, tentato omicidio alla stazione di Trastevere: scoperto il responsabile

Roma.  La Squadra Mobile ed il XII Distretto Monteverde, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale, hanno sottoposto a Fermo per tentato omicidio, un 47enne italiano gravemente indiziato del tentato omicidio avvenuto lo scorso 1 agosto presso la Stazione di Trastevere.  I fatti Nella serata del 2 agosto scorso,...

leggi la notizia su Casilina News



Roma.  La Squadra Mobile ed il XII Distretto Monteverde, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale, hanno sottoposto a Fermo per tentato omicidio, un 47enne italiano gravemente indiziato del tentato omicidio avvenuto lo scorso 1 agosto presso la Stazione di Trastevere. 

Nella serata del 2 agosto scorso, gli investigatori della IV Sezione della Squadra Mobile di Roma specializzata nel contrasto ai reati di violenza di genere e del XII Distretto di P.S. Monteverde, all’esito di una ininterrotta attività investigativa, hanno eseguito un decreto di fermo disposto dalla Procura della Repubblica  di Roma a carico di un soggetto senza fissa dimora che, il primo agosto,  in pieno giorno, nei pressi della Stazione di Trastevere, aveva aggredito con ferocia una donna, con un’arma da taglio, colpendola ripetutamente in diverse parti del corpo.

La vittima, dopo l’intervento di un passante, che vedendola ferita ha allertato immediatamente i soccorsi,  è stata trasportata d’urgenza e in codice rosso in ospedale, dove è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico e si trova tuttora in prognosi riservata.

Le indagini, effettuate sotto la direzione immediata della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, sono proseguite senza soluzione di continuità fino all’esecuzione del fermo di indiziato di delitto per il tentato omicidio, con l’aggravante di aver commesso il fatto contro una persona legata a lui da relazione affettiva,  nei confronti di un italiano di 47 anni, ora ristretto presso la Casa Circondariale di Regina Coeli.

L’uomo, compagno della vittima da poco tempo, vive di espedienti ed ha suo carico numerosi precedenti penali e di polizia.

Il provvedimento restrittivo della libertà personale è stato convalidato dal Gip del Tribunale di Roma,  che ha disposto il trattenimento in carcere.

Ad ogni modo l’indagato è da ritenere presunto innocente, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI