Servizi > Feed-O-Matic > 338896 🔗

Domenica 22 Gennaio 2023 13:01

Lucia Simone – Mad World

da 28/01/23 a 24/02/23 Galleria Gallerati Mostra personale di Lucia Simone a cura di Saveria Colosimo Con questa mostra la Galleria Gallerati oltrepassa ancora una volta i confini del genere fotografico per sperimentare processi mediali alternativi di ricerca, reinvenzione e riarticolazione artistica. L’avvento del digitale ha infatti trasformato la produzione culturale in tutti i settori; in particolare, nella sperimentazione visiva […]

L'articolo
Lucia Simone – Mad World
proviene da
Un Ospite a Roma
.

leggi la notizia su Un Ospite a Roma



da 28/01/23 a 24/02/23

Galleria Gallerati

Mostra personale di Lucia Simone a cura di Saveria Colosimo

Con questa mostra la Galleria Gallerati oltrepassa ancora una volta i confini del genere fotografico per sperimentare processi mediali alternativi di ricerca, reinvenzione e riarticolazione artistica. L’avvento del digitale ha infatti trasformato la produzione culturale in tutti i settori; in particolare, nella sperimentazione visiva si è innescato un processo di mutazione profondo e ancora in pieno svolgimento. Le immagini ricombinanti di Lucia Simone testimoniano la verità di questa mutazione. Sono punti di partenza per dare un senso alla propria visione del mondo, evocate dagli universi della letteratura, della musica o del cinema di fantascienza, spesso recuperate in rete o riprese da riviste varie, generano l’ibridazione di linguaggi e contenuti, si fondono l’una nell’altra in una nuova entità visiva, mutata intimamente, fluida e instabile. È un percorso in divenire che presuppone la compresenza di mondi altri, paralleli, intermedi, nei quali non ci si rispecchia: mondi opachi – come in The Passenger (2022), Evanescent (2022), Ofelio (2021) – dove la disgregazione della figura umana ci riporta coscientemente alla realtà dissonante in cui essa si muove. Come dissonanza della realtà sociale emerge prevalentemente la dialettica paradossale tra il nostro mondo mediale in diretta connessione con gli eventi e la disconnessione postmoderna, intesa come la crescente distanza tra uomo e natura. La questione della crisi ambientale è oggi più che mai una tematica attuale, pertanto un elemento riflessivo implicito nell’arte contemporanea. In Oxygen (2022) la natura pervasiva invade totalmente lo spazio, interno ed esterno, dando vita a un ambiente ibrido, immersivo, al confine tra paesaggio autentico e luogo virtuale. Per meglio dire un non/luogo dove la presenza umana è ormai solo un lontano residuo, percettibile nel frammento opaco di una vetrata appannata. Un nodo centrale della narrazione artistica di Lucia Simone è che riflette la prospettiva di una dimensione distopica del mondo reale, del Mad World da cui deriva il titolo e il fulcro tematico della mostra; è dunque un’utopia al contrario, che ci invita a riconsiderare la legittimità e il senso di quella noncuranza che scandisce le fasi del nostro tempo. (Saveria Colosimo)
Lucia Simone è nata nel 1986 a Perugia. Vive e lavora a Roma. Si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Roma in Arti e Discipline dello Spettacolo. È presente nel VI Repertorio degli Incisori Italiani (edit. Faenza). Ha ricevuto vari premi, tra cui una residenza d’artista in occasione del Premio Internazionale FIG di Bilbao. Ha esposto in diversi musei, come il Macro La Pelanda di Roma e l’Austrian Museum of Folk Life and Folk Art di Vienna, e in luoghi di prestigio come Palazzo Montecitorio e Palazzo Vecchio in occasione del Premio Firenze. Una mostra personale di particolare rilievo è stata nel 2018 Uncanny presso l’Interzone Galleria di Roma, dove è prevalsa l’attinenza a tematiche dal forte impatto emotivo. Tale ricerca è stata proposta di nuovo a Roma l’anno successivo in Realtà Consumata presso la Fondamenta Gallery. Nel dicembre del 2019 ha svolto una residenza d’artista in uno degli atelier del Macro Asilo di Roma. Dalla fine del 2021, con una personale dal titolo Signal Lost curata da Chiara Canali, comincia a espone i suoi lavori in esclusiva alla Iaga Contemporary Art (Romania). Di recente è stata selezionata come finalista al Premio Artkeys per la sezione di pittura, e al Premio Arte Laguna per la sezione di grafica digitale, la cui esposizione si terrà nel 2023 presso l’Arsenale di Venezia.                                                        

L'articolo
Lucia Simone – Mad World
proviene da
Un Ospite a Roma
.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI