Giovedì 13 Agosto 2020 16:08

Il Casale Alba 2 dal 31 agosto è di nuovo sotto sgombero

“L’incontro del Forum per la Tutela del parco di Aguzzano con l’assessore al patrimonio del Comune di Roma Vivarelli ed 
… Continua...

leggi la notizia su Cultura – Abitare A Roma




“L’incontro del Forum per la Tutela del parco di Aguzzano con l’assessore al patrimonio del Comune di Roma Vivarelli ed altri funzionari che si è svolto il 4 agosto 2020 è andato male!

Questo incontro era stato ottenuto in seguito alla mobilitazione che lo stesso Forum aveva fatto sotto la sede dell’assessorato la settimana precedente, visto che la richiesta fatta in via formale non aveva avuto esito.

L’urgenza della richiesta di incontro era dovuta all’avvicinarsi del 31 agosto, data in cui scadrà la sospensione dell’ordinanza di sgombero per il Casale Alba2 emanata nel novembre scorso.

La procedura di sgombero era stata attivata da una richiesta della ex Presidente del IV Municipio, ora sfiduciata, in seguito alla grande mobilitazione che il Forum aveva promosso per contrastare il “progetto food” che voleva affidare ad una gestione privatistica il Casale Alba 1 avallandone un uso improprio in nome della cosiddetta “valorizzazione economica”.

Insomma, un’azione in aperta opposizione con le attività del Forum e di uno dei suoi principali componenti, il Casale Alba 2, che avevano messo in campo forze popolari contro un vero e proprio scempio dell’uso pubblico e gratuito del parco.

Da subito la salvaguardia dell’esperienza del Casale Alba2 è stata fatta propria dall’intero Forum e sostenuta con massicce attestazioni di solidarietà di tutte quelle innumerevoli realtà che in questi otto anni avevano attraversato il Casale.

A questo punto l’Assessorato al Patrimonio ha emanato una sospensiva dello sgombero fino al 31 Agosto riconoscendo “la natura di risorsa per il territorio dello spazio in questione”.

Negli scorsi mesi inoltre il Forum ha partecipato a diverse sedute delle Commissioni consiliari del Comune i cui membri si sono più volte detti disponibili ad istituire un percorso condiviso sul futuro di Aguzzano ed i suoi Casali.

In quelle sedi abbiamo sempre affermato la nostra disponibilità ad un confronto che però non poteva prescindere dalla salvaguardia delle esperienze storiche che nel Parco di Aguzzano hanno operato in tutti questi anni.

In questo contesto era consequenziale che si procedesse da parte del Comune di Roma e dell’Assessorato al Patrimonio una proroga della sospensione dello sgombero di Alba 2 almeno fino a quando non si fosse concluso questo percorso di confronto… ed è precisamente questo che abbiamo chiesto nell’incontro.

Quello di cui abbiamo dovuto prendere atto nell’incontro all’Assessorato è stato un netto rifiuto verso qualsiasi proroga della sospensione dell’ordinanza di sgombero, né sine die né a tempo determinato, pur riaffermando a parole la volontà di salvaguardare l’esperienza di Casale Alba2.

Valutiamo gravissima e contraddittoria questa posizione visto che non è venuta meno nessuna delle condizioni che avevano determinato la sospensione emanata nel novembre scorso e contraddicendo nei fatti tutto ciò che a parole veniva detto nelle commissioni. Questa posizione mette inevitabilmente in discussione, minandone la credibilità, l’intero percorso di confronto.

Così mentre il Parco di Aguzzano viene lasciato all’abbandono ed è investito da incendi che ne distruggono ettari ed ettari, mentre dobbiamo assistere all’insediamento di improbabili “stabilimenti urbani” disertati dagli abitanti e che costituiscono un assurdo sperpero di denaro pubblico non si trova di meglio che mettere in discussione l’esistenza di realtà che da anni costituiscono un prezioso punto di riferimento e partecipazione in difesa dei territori sempre più dimenticati.”

FORUM PER LA TUTELA DEL PARCO DI AGUZZANO

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI