Servizi > Feed-O-Matic > 97972 🔗

Giovedì 18 Febbraio 2021 18:02

Duro colpo all’arrampicata sportiva

Non ci sono soltanto gli impianti sciistici a vivacizzare il dibattito pubblico sulla fruibilità della montagna, ma anche quelli strutturalmente 
… Continua...

#sport
leggi la notizia su Sport – Abitare A Roma




Non ci sono soltanto gli impianti sciistici a vivacizzare il dibattito pubblico sulla fruibilità della montagna, ma anche quelli strutturalmente più soft e meno impattanti delle “falesie” collinari, delle scogliere e dei costoni sparsi su  tutto il territorio italiano, frequentati dagli appassionati dell’arrampicata sportiva, che con la chiusura da oltre un anno delle palestre, hanno trovato in questi luoghi l’ambiente ideale per praticare in libertà e sicurezza il  loro sport.

Sport che annovera ormai centinaia di migliaia di praticanti in Italia e milioni in tutto il mondo, che verrà consacrato ufficialmente quest’anno a Tokyo come disciplina olimpica. Aspiriamo a salire sul podio e forse ci riusciremo per merito di ragazzi e ragazze che in silenzio hanno conquistando le “vette” della disciplina, allenandosi proprio sulle rocce sparse sul nostro territorio, producendo un miracolo che è stato possibile solo dal sacrificio personale di centinaia di atleti, chiodatori, guide e istruttori. Che però sembra non piacere a molti, che siano i proprietari dei terreni (quasi sempre abbandonati) dove insistono le falesie, o i politici che amministrano le zone d’arrampicata.

Con la chiusura in questi giorni della storica “falesia” di Ciampino a Roma sulla via Appia a due passi dall’aeroporto, frequentata da oltre trent’ anni dai free climbing romani, si chiude un quadro preoccupante che ha già visto sbarrare molti siti d’arrampicata in Sicilia, in Veneto, nel Lazio, in Calabria, in Liguria. Torna in auge l’interesse privatistico del latifondo, la rendita fondiaria a scapito dell’interesse sociale generale. Per questo gli arrampicatori romani si stanno organizzando, per ribadire il diritto a fare sport liberamente e soprattutto oggi, in periodo di pandemia, all’aperto e chiedono al Comune di Roma e di Ciampino e ai Parchi archeologico e regionale del Lazio di intervenire per affrontare insieme la questione.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI