Chi cerca trova

Gioacchino Belli

Se l'è vorsuta lui: dunque su danno.
Io me n'annavo in giú p'er fatto mio,
quann'ecco che l'incontro e je fo: " Addio".
Lui passa, e m'arisponne cojonanno.

Dico: " Evviva er cornuto"; e er sor Orlanno
(n'è tistimonio tutto Borgo-Pio)
strilla: " Ah carogna, impara chi sò io";
e torna indietro poi come un tiranno.

Come io lo vedde cor cortello in arto,
co la spuma a la bocca e l'occhi rossi
cú;rreme addosso pe venì a l'assarto,

m'impostai cor un sercio e nun me mossi.
je feci fà tre antri passi, e ar quarto
lo pres'in fronte, e je scrocchiorno l'ossi.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE