Pensierino della sera

Maria Grazia Rinaldi

A vorte drento ar letto
m'assale 'no sconforto
quanno penso alla vita
e a quanto c'è de storto

Allora m'arigiro là
sotto le coperte
cercanno de pensà
solo alle cose certe

Ce ne sarà quarcuna
pe' noi, pori mortali,
o sèmo destinati
a vive de ideali?

Storie de ieri, d'oggi,
bellezze o cose brutte
ce gireno d'attorno,
le conoscèmo tutte

E la consolazzione
in questa strana sera
è che "quello che è stato
è la certezza vera"

Così, co' 'sta risposta,
un po' meno angosciata,
ripijo sempre er sonno,
contenta e cojonata!

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE