Santaccia de Piazza Montanara

Gioacchino Belli

A proposito dunque de Santaccia
che diventava fica da ogni parte,
e coll'arma e cor santo e co le braccia
t'ingabbiava l'ucelli a quarte a quarte;

è da sapé ch'un giorno de gran caccia,
mentre lei stava assercitanno l'arte,
un burinello co l'invidia in faccia
s'era messo a godersela in disparte.

Fra tanti ucelli in ner vedé un alocco,
"Oh" disse lei "e tu nun pianti maggio?"
"Bella mia," disse lui "nun ciò er bajocco."

E qui Santaccia: " Alò viè;celo a mette:
scé;jete er bú;cio, e te lo do in soffragio
de quell'anime sante e benedette.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE