Er prete

Gioacchino Belli

Jeri venne da me don Benedetto
Per famme arinnaccià quattro pianete;
E vedenno un rïarzo drent'ar letto,
Me disse: "Sposa, qua che ce tienete?"

Io j'arispose che ciavevo er prete
Pe nun stamme a addoprà lo scallaletto;
E lui ce partì allora: "Eh, si volete,
Sò pprete io puro": e qua fece l'occhietto.

Capite, er zor pretino d'ottant'anni
Che stommicuccio aveva e che cuscenza
Cor zu' braghiere e co li su' malanni?

Ma ssai che je diss'io? "Sora schifenza,
Che cercate? la freggna che ve scanni?
Io nun faccio peccato e ppinitenza".

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE