Er prete

Gioacchino Belli

Jeri venne da me don Benedetto
Per famme arinnaccià quattro pianete;
E vedenno un rïarzo drent'ar letto,
Me disse: "Sposa, qua che ce tienete?"

Io j'arispose che ciavevo er prete
Pe nun stamme a addoprà lo scallaletto;
E lui ce partì allora: "Eh, si volete,
Sò pprete io puro": e qua fece l'occhietto.

Capite, er zor pretino d'ottant'anni
Che stommicuccio aveva e che cuscenza
Cor zu' braghiere e co li su' malanni?

Ma ssai che je diss'io? "Sora schifenza,
Che cercate? la freggna che ve scanni?
Io nun faccio peccato e ppinitenza".

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI