Li frati d'un paese

Gioacchino Belli

Senti sto fatto. Un giorno de st'istate
Lavoravo ar convento de Genzano,
E ssentivo de sopra ch'er guardiano
Tirava giù biastime a carrettate;

Perché, essenno le gente aridunate
Per cantà la novena a ssan Cazziano,
Cerca qua, chiama là, quer zagristano
Drento a le celle nun trovava un frate.

Era vicino a notte, e un pispillorio
Già se sentiva in de la chiesa piena,
Quanno senti che ffa ppadre Grigorio.

Curze a intoccà la tevola de cena,
E appena che fu empito er refettorio
Disse: "Alò, frati porci, a la novena!".

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI