La penale

Gioacchino Belli

Li preti, già sse sa, fanno la caccia
A 'gni sorte de spece de quadrini.
Mo er mi' curato ha messo du' carlini
De murta a chi vò dì 'na parolaccia.

Toccò a me l'antra sera a la Pilaccia:
Ché giucanno co certi vitturini,
Come me vedde vince un lammertini,
Disse pe ffoja: "Eh buggiarà Ssantaccia!"

Er giorn'appresso er prete già informato,
Mannò a ffamme chiamà dar chiricone,
E m'intimò la pena der peccato.

Sur primo io vorze dì le mi' raggione;
Ma ppoi me la sbrigai: "Padre Curato,
Buggiaravve a voi puro: ecco un testone".

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI