Le du' mosche

Gioacchino Belli

Tu sta' attenta a le mosche, Nastasìa,
mentr'una nun se move e una cammina,
che ammalappena questa j'è vicina,
je zompa su la groppa e tira via.

Accusì è la cumprisione mia:
ch'io vedenno una femmina, per dina!,
si nun je do una bona incarcatina
me parerebbe d'esse in agonia.

Lo sa l'Urion de Monti s'io ce tiro,
e lo pò dì co tutta la raggione
ch'io so' la mosca che va sempre in giro.

E istesso lo sa tutta la Caserma
de Cimarra, che tu drent'a l'Urione
sei l'antra mosca che sta sempre ferma.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI