Le du' mosche

Gioacchino Belli

Tu sta' attenta a le mosche, Nastasìa,
mentr'una nun se move e una cammina,
che ammalappena questa j'è vicina,
je zompa su la groppa e tira via.

Accusì è la cumprisione mia:
ch'io vedenno una femmina, per dina!,
si nun je do una bona incarcatina
me parerebbe d'esse in agonia.

Lo sa l'Urion de Monti s'io ce tiro,
e lo pò dì co tutta la raggione
ch'io so' la mosca che va sempre in giro.

E istesso lo sa tutta la Caserma
de Cimarra, che tu drent'a l'Urione
sei l'antra mosca che sta sempre ferma.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE