Li quadrini pubbrichi

Gioacchino Belli

Già sse sa, pe noi poveri affamati
A sta macchia che qua nun ce se penza:
E chi aricurre a la Bonificenza
Sempre se sente a dì: "Sò tterminati".
Vedo intanto però ttutti li frati,
C'ortre la loro brava possidenza,
Pe inzeppà la cantina e la dispenza
Hanno sempre bon'ordini pagati.
Dice: "Quest'è un compenzo de quer tanto
Che quanno se levorno li conventi
Monzù Jannette je venne a l'incanto".
E accussì mentre er zecolaro abbozza,
Er fraticello, co li su' fetenti
Voti de povertà, marcia in carrozza.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI