Li quadrini pubbrichi

Gioacchino Belli

Già sse sa, pe noi poveri affamati
A sta macchia che qua nun ce se penza:
E chi aricurre a la Bonificenza
Sempre se sente a dì: "Sò tterminati".
Vedo intanto però ttutti li frati,
C'ortre la loro brava possidenza,
Pe inzeppà la cantina e la dispenza
Hanno sempre bon'ordini pagati.
Dice: "Quest'è un compenzo de quer tanto
Che quanno se levorno li conventi
Monzù Jannette je venne a l'incanto".
E accussì mentre er zecolaro abbozza,
Er fraticello, co li su' fetenti
Voti de povertà, marcia in carrozza.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE