La scappatella der Leone

Trilussa

Una vorta er guardiano d'un serrajo
lassò per uno sbajo
uno sportello de la gabbia aperto.
Giacché me se presenta l'occasione,
disse er Re der Deserto - me la squajo... -
E zitto zitto escì da la priggione.

Indove te ne vai? - chiese la Jena.
El Leone rispose: - Ar Colosseo,
a magnà li Cristiani ne l'Arena. -
La Jena disse: - Quanto me fai pena,
povero babbaleo!

Che credi? De rifà la pantomima
de le bestie ch'esciveno de fôra,
cór pasto de le berve come allora
e li martiri pronti come prima?
Nun hai saputo che, da un pezzo in qua,
è proibbito d'ammazzà la gente
senza er permesso de l'Autorità?
Tu rischi de restà senza lavoro;
dà retta a me, collega mio, rimani:
e lascia che li poveri cristiani
se magnino fra loro.

potrebbero interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI