Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 7 Dicembre 2019 Sabato
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
Teatro di Marcello
(Monumenti)
mappe
 
Via del Teatro di Marcello - 00186 Roma Ripa (Area 1)

Il maestoso Teatro è dedicato a Marco Claudio Marcello, figlio di Ottavia (sorella di Augusto) e di Caio Claudio Marcello: nato nel 42 a.C., nel 23 a.C. sposò Giulia, figlia dell'Imperatore Augusto.

Il giovane Marco Claudio Marcello, non ancora ventenne, morì nello stesso anno delle nozze, suscitando un grande rimpianto di tutti, e lo stesso Virgilio ne compianse la morte nel suo VI libro dell'Eneide.

Augusto, che in cuor suo aveva pensato di farne il suo erede, volle pronunciare il suo elogio funebre, e dispose che le sue ceneri fossero poste nel Mausoleo Di Augusto; in suo onore volle realizzare il Teatro, già progettato e iniziato da Cesare che aveva, a tal scopo, fatto degli espropri nel Foro Olitorio.

Nel 17 a.C. vi si celebrarono i ludi secolari, ma solo tra il 13 e l'11 a.C. fu ultimato ed inaugurato con superbi giochi. La costruzione esterna era in travertino, mentre i muri radiali e gli ambulacri erano di tufo e laterizio opus reticolatum; la facciata aveva tre ordini di 41 arcate, il primo dorico, il secondo ionico, ed il terzo, attualmente scomparso, corinzio.

Il diametro della Cavea era di 150 metri, la scena era larga 20 metri e lunga 80, e poteva contenere 15.000 spettatori.

Fu restaurato da Vespasiano, e successivamente da Alessandro Severo, che vi celebrò i suoi ludi secolari.

Nel XII secolo divenne proprietà dei Fabi, che lo trasformarono in fortezza; passato ai Savelli, questi, nel 1523, diedero incarico a Baldassare Peruzzi di costruire gli attuali due piani sovrastanti. Nel 1712 passò agli Orsini.

Voto: in attesa di 3 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito