Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 17 Dicembre 2018 Lunedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
Santa Maria in Ara Coeli
(Chiese)
mappe
 
Piazza del Campidoglio - 00186 Roma Campitelli (Area 1)

Il nome Ara Coeli significa altare del cielo e nasce da una leggenda.

Il mondo è ancora pagano, Gesù non è nato ma molti misteriosi segnali ne preannunciano l'avvento. Ed è proprio Augusto, il più illustre degli Imperatori Romani, ad avere una visione mentre è nei pressi del tempio sul punto più alto del Campidoglio. Si squarcia il cielo ed appare tra le nuvole una bellissima ragazza seduta su un altare con un bimbo in grembo. "Ecco l'altare del figlio di Dio!" esclama; ed Augusto, si racconta, cade in ginocchio.

Per ricordare questo prodigio i Francescani nel 1200 costruirono la Chiesa sul Tempio di Giunone Moneta, dove era avvenuto l'evento prodigioso, che fu chiamata Santa Maria in Aracoeli. Consacrata nel 1291 la scalinata trecentesca è un omaggio alla Vergine per aver fatto cessare la peste nera; fu inaugurata nel 1348 da Cola di Rienzo. La scalinata è qualcosa di più di un modello architettonico. Ci tramanda il senso che ha la vita per molti uomini del Medioevo: un duro pellegrinaggio, gradino dopo gradino, verso un mistico altare celeste.

Affiancata a questa scala ce n'è un'altra, quella rinascimentale che porta al Campidoglio. Il contrasto tra la durezza dell'una e la delicatezza dell'altra fa emergere la differenza dei tempi.

La semplice facciata in mattoni è duecentesca; l'interno, basilicale, offre un esempio dell'arte romana tra il XIII e il XVIII secolo. Il ricco soffitto intagliato è del 1575. Sull'altare maggiore vi è un affresco di Madonna col Bambino dei secoli X-XI. La Sacrestia ospitava la veneratissima statua del Santo Bambino del XV secolo ricoperta da preziosissimi ex-voto; rubata nel febbraio 1994.

Tra le altre innumerevoli e notevoli opere conservate all'interno firmate, tra gli altri, da Donatello, Pietro Cavallini e Benozzo Gozzoli, spicca il ciclo delle Storie di San Bernardino eseguito nel 1486 dal Pinturicchio.

Voto: in attesa di 2 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito