Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 9 Dicembre 2019 Lunedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
Vittoriano
(Monumenti)
mappe
 
Piazza Venezia - 00187 Roma Trevi (Area 1)

Vittoriano
Vittoriano

E' così chiamato il monumento eretto in Roma in memoria di Vittorio Emanuele II di Savoia, primo re d'Italia (il padre della Patria), che spicca nel panorama della città per il colore bianco del marmo botticino impiegato per la sua realizzazione.

L'opera ispirata, ai templi ellenistici e romani, costituisce l'esempio più impressionante dell'architettura "umbertina" che dominò negli ultimi decenni del XIX secolo.

Iniziata nel 1885 da Giuseppe Sacconi, che vinse un concorso internazionale con 293 partecipanti, costò 30 milioni e fu ultimata, con l'esclusione degli elementi decorativi, nel 1911.

La costruzione causò gravissimi danni alle vestigia antiche del Campidoglio e la distruzione di numerosi edifici medievali.

E' costituito da una larga scalinata, fiancheggiata da gruppi allegorici, che conduce al primo ripiano, dove è situato l'Altare della Patria, inaugurato nel 1925, con la tomba del Milite Ignoto, simbolico sepolcro d'un combattente sconosciuto, cui montano la guardia d'onore, giorno e notte, soldati di tutte le armi.

La statua della Dea Roma al di sopra della tomba e i due altorilievi ai lati con i Cortei del Lavoro e dell'Amor patrio sono di A. Zanelli. Sovrasta, al centro, la grande statua equestre di Vittorio Emanuele II, opera di Enrico Chiaradia e di Emilio Gallori, alta 12 metri.

Le enormi quadrighe in bronzo furono collocate nel 1927 e le decorazioni interne furono ultimate nel 1935.

Un ampio porticato, anch'esso ornato di statue e rilievi, rappresentanti le Regioni d'Italia, corona il complesso pesante, disorganico e soprattutto discordante, per il suo colore bianco, con gli edifici e monumenti circostanti.

Vi ha sede l'Istituto per la storia del Risorgimento italiano, con il Museo centrale del Risorgimento ed il relativo archivio storico.

I romani hanno dato al monumento molti appellativi: la torta , il biancone ed il più famoso e meno riverente la macchina da scrivere.

Voto: in attesa di 3 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito