Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 26 Agosto 2019 Lunedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
Sant'Ignazio da Loyola
(Chiese)
mappe
 
Piazza S. Ignazio - 00186 Roma Pigna (Area 1)

La Chiesa dedicata al Santo fu realizzata nel 1622 per volere del nipote di Gregorio XV, cardinale Ludovico Ludovisi (di cui è lo stemma, retto dagli angeli, nel timpano), su progetto di Orazio Grassi (1583-1654), vincitore del concorso bandito per detta costruzione. La chiesa doveva sorgere al posto della piccola chiesa dedicata alla Santissima Annunziata, realizzata nel 1567, per l'utilità dei collegiali che frequentavano il vecchio Collegio Romano, fondato da Ignazio nel 1550. Quando nel 1685 finirono i fondi destinati alla costruzione, mancava la cupola e fu il padre Andrea Pozzo, docente del collegio, che dipinse la prospettiva della cupola in una tela di diciassette metri di diametro. La chiesa ha una lunghezza di 81,5 metri e 43 di larghezza.

Lo stesso padre Pozzo dipinse anche, tra il 1693 ed il 1695, la volta della navata con la Attività missionaria della Compagnia di Gesù nel mondo, nel catino absidale Sant'Ignazio guarisce gli appestati e nel presbiterio Fatti dei Santi Ignazio, Francesco Borgia e Saverio. Inoltre decorò numerose cappelle e il transetto con altri artisti come: Francesco Trevisani, Luigi Garzi, Giuseppe Chiari e a scultori come Pierre II Le Gros, Etiem Monnot, Camillo Rusconi; di Alessandro Algardi (1595-1654) sono gli stemmi sopra gli archi delle cappelle.

La sua consacrazione ed intitolazione ufficiale avvenne nel 1722, ma solo nel 1727 fu realizzata da Filippo Raguzzini la facciata. La cupola, realizzata da padre Pozzo, fu danneggiata dalla esplosione della polveriera di Monte Verde; la sua restaurazione fu ultimata da Pico Cellini nel 1963.

Voto: in attesa di 3 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito