Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 26 Agosto 2019 Lunedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
San Lorenzo in Lucina
(Chiese)
mappe
 
Via in Lucina - 00186 Roma Colonna (Area 1)

La chiesa di San Lorenzo in Lucina ha origine da una "domus ecclesiae", chiesa domestica ricavata nella casa di una matrona romana dal nome Lucina (da cui la denominazione della chiesa stessa). Trasformata in chiesa dal culto pubblico da Sisto III (432-440), subì diversi interventi. Pasquale II (1099-1118) gli aggiunse il porticato a colonne ed il campanile. Nel seicento fu totalmente rimaneggiata, sia all'esterno che l'interno, con importanti cappelle, quando fu presa in possesso dai chierici dell'Ordine religioso di San Francesco Caracciolo, che vi rimasero fino al 1906, anno in cui si trasferirono in Sant'Angelo in Peschiera. L'ultimo restauro risale al 1927.

Sull'altare maggiore un crocifisso di Guido Reni; ritratti "berniniani" possono essere ammirati nella Cappella Fonseca. Degne di rilievo: la Cappella Alaleona con la tela di Marco Benefial Morte della Beata Giacinta Marescotti; le opere La tentazione di San Francesco e Vestizione del Santo di Simon Vouet; la Cappella di San Carlo con il bellissimo dipinto San Carlo Borromeo porta in processione il sacro chiodo (1618) di Carlo Saraceni.

Alla chiesa è annesso il Convento che nel 1700 fu ricostruito da Carlo Bizzaccheri.

Voto: in attesa di 3 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito