Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 17 Dicembre 2018 Lunedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
Santa Maria in Trastevere
(Chiese)
mappe
 
Piazza di S. Maria in Trastevere - 00153 Roma Trastevere (Area 2)

La basilica è tra le più antiche di Roma, forse la prima dedicata alla Vergine ed aperta al culto.

La tradizione vuole che, mentre a Betlemme nasceva il Cristo, sulla Piazza fuoriuscì uno zampillo d'olio, quale preannuncio della venuta del Messia, e che su tale punto fu voluta dal Papa San Callisto (217-222) la realizzazione di una piccola chiesa dedicata a "Santa Maria Fous Olei"; il punto della fuoriuscita dell'olio fu indicato, sotto il presbiterio, con una pietra rotonda con l'iscrizione "fous olei", ancora esistente. L'opera rimase incompiuta e solo durante il Papato di San Giulio I (337-352) la piccola chiesa fu ultimata ed aperta al culto.

Successivamente intervennero Papa Adriano I (772-795), che fece aggiungere, le tre navate laterali e Papa Gregorio IV, (827-844), con la realizzazione di importanti opere nel presbiterio e con la creazione del Monastero per la cura della basilica.

Solo successivamente la Basilica raggiunse l'attuale dimensioni, con diversi interventi:

  • Papa Innocenzo II (1130-1143) spogliò le Terme di Caracalla, asportando marmi e colonne, che furono usati per realizzare importanti opere di ampliamento e la decorazione a mosaico dell'abside rappresentante la Vergine tra Santi e Profeti;
  • Papa Eugenio III (1145-1153) fece innalzare la torre campanaria in stile romanico con l'edicola in mosaico, rappresentante Madonna con Bambino (restaurata nel 1291 da Pietro Cavallini);
  • Papa Clemente XI (1700-1721) promosse l'erezione del porticato, eseguito da Carlo Fontana nel 1702 (le quattro statue dei Santi sono di Giovanni Battista Théodon, Michele Maglia, Lorenzo Ottoni e Vincenzo Felici);
  • Pio IX (1846-1878) incaricò, nel 1866, Virgilio Vespignani di eseguire nel primitivo edificio restauri (tra cui la riapertura delle tre finestre centinate), e fece affrescare da Silverio Capparoni il frontone con la sua immagine.
Voto: in attesa di 3 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito