Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 18 Ottobre 2019 Venerdì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
Santa Prisca
(Chiese)
mappe
 
Via di S. Prisca - 00153 Roma Ripa (Area 1)

Costruita prima del V secolo sui resti di un edificio romano, appartenuto ai coniugi Aquila e Prisca che in tale abitazione avrebbero, secondo quanto riferito da San Paolo, ospitato San Pietro.

Restaurata nel 1456, dopo la distruzione avvenuta durante il "sacco di Roma" nell'anno 1084 (eseguito da Roberto il Guiscardo alla testa dei Normanni), e successivamente nel 1660, con la realizzazione dell'attuale facciata.

L'interno a tre navate è degno di rilievo per i suoi affreschi presenti alle pareti.
Sull'altare nell'abside San Pietro battezza Santa Prisca di Domenico Cresti detto Passignano, del XVIII secolo; sulle sue pareti Storie del martirio della Santa; dello stesso periodo di Anastasio Fontebuoni Santi ed Angeli con gli strumenti della passione sulla parete della navata mediana; nella navata sinistra Annunciazione del XV secolo.

Nella navata destra il Battistero, con al centro la fonte battesimale, ricavata in un capitello dorico, dell'epoca degli Antonini, che secondo la tradizione sarebbe stata utilizzata da San Pietro. Il coperchio in bronzo è del 1904, realizzato da Antonio Biggi, e rappresenta il Battesimo di Gesù.

Altro affresco, Madonna col Bambino ed Angeli del secolo XVIII, di Giovanni Odazzi, è nella Sacrestia.

Nel sotterraneo, in cui si scende per una scala nella navata di destra, l'Antiquarium, museo realizzato nel Ninfeo di una casa romana, del II secolo: il pavimento è in mosaico e tutti gli oggetti ritrovati nella casa sono posti in vetrine.

Una ulteriore scala porta ad una cripta in cui sono ancora visibili resti di affreschi; accanto un Mitreo, portato alla luce nel 1940, con antistante vestibolo che presenta, ancora intatto, l'angolo in cui venivano sacrificate le vittime.

Sulle pareti affreschi che rappresentano i Sette gradi di iniziazione e Processione in onore del Dio Mitra e del Sole. Nella parete di fondo una nicchia con Mitra che uccide il Toro ed un Saturno sdraiato.

Voto: in attesa di 3 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito