Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
  OK  
roma-O-matic HOME
www.ROMA-O-MATIC.com - 17 Dicembre 2018 Lunedì
italiano | english
 
  Spettacoli | Cultura | A tavola | Locali | Alloggi | Sanità | Sport | Servizi | Trasporti | Varie | Area utenti
   Cinema | Cinema Estate | Prevendite
   Biblioteche | Librerie | Monumenti | Musei | Poesie | Teatri
   Fastfood | Mercati | Ricette | Ristoranti
   Discoteche | Internet Cafe' | Music Club | Pub
   Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Residence
   ASL | Farmacie | Ospedali
   Palestre
   Documenti | Meteo | Municipi | Numeri utili | Uffici Postali
   Autonoleggi | Ferrovie | GRA | Metro | Parcheggi | Stradario | Taxi
   Feed-O-Matic | Help ricerche | Statistiche | Pubblicità | Copyright | Contattaci
   Registrazione
 
Monumenti
  monumenti | itinerari
Sant'Andrea della Valle
(Chiese)
mappe
 
Piazza di S. Andrea della Valle - 00186 Roma Parione (Area 1)

L'esecuzione della chiesa iniziata nel 1591, su progetto di Giovanni Francesco Grimaldi e di Giacomo della Porta, fu proseguita nel 1608 dal Maderno che poi realizzo, tra il 1622 ed il 1625, la bellissima e grandiosa cupola, seconda solo a quella della Basilica di San Pietro.

La facciata, compiuta nel 1665 con il concorso finanziario del papa Alessandro VII, che nell'inverno 1658/59 aveva seguito la progettazione della nuova scalinata, a pianta arrotondata, da realizzare nella piccola piazza antistante, è di travertino, su due ordini di colonne e lesene corinzie con portale centrale ed ai lati nicchie, con statue e finestre, realizzata, modificando l'originario progetto del Maderno, da Carlo Rainaldi.

L'interno è a croce latina ed ha una grandissima navata e caratteristiche cappelle laterali, la volta a botte e la cupola è luminosa; l'abside, con affreschi e dorature, la danno un bellissimo effetto.

Di rilievo gli affreschi della cupola e quelli nell'abside e presbiterio.

Nel 1614 vi furono trasportate le tombe dei due Papi Piccolomini che si trovavano in San Pietro in Vaticano: la tomba di Papa Pio II, Enea Silvio Piccolomini, morto nel 1464, iniziata da Paolo Taccone e terminata da un allievo di Andrea Bregno e la tomba di Papa Pio III, Francesco Tedeschini-Piccolomini, morto nel 1503, eseguita dai Ferrucci (Francesco di Giovanni e Sebastiano di Francesco), imitando il sarcofago precedente.

Gli scrittori Giocosa e Illica nel realizzare il Libretto per l'opera Tosca, musicata da Puccini, in cui la protagonista Floria Tosca è l'amante del pittore Mario Cavaradossi, ambienta un loro incontro in questa chiesa dove il pittore stava, secondo gli autori del libretto, eseguendo un affresco della Madonna a cui aveva dato il volto di Tosca.

Voto: in attesa di 3 voti | Vota: 1  2  3  4  5  
Preferiti: aggiungi | rimuovi  
Commenti: nessun commento | commenta
permalink
PREFERITI
per utilizzare la lista preferiti effettuare il login


Altre sezioni per - Chiese - Colli - Fotografie - Itinerari - Luoghi storici - Monumenti - Palazzi - Parchi - Ville



 
© Fabio Fontanella | note legali | pubblicità su questo sito