Santi Bonifacio ed Alessio

Piazza di S. Alessio - 00153 Rome

Realizzata prima del secolo X, era dedicata a San Bonifacio, e solo nel 1217 Onorio III la dedica a Sant'Alessio. Nel 1750 Tommaso De
Marchis esegue una totale ristrutturazione, eseguendo l'attuale facciata con un portico sormontato da una balaustra. Bellissimo il campanile
romanico sulla destra.

L'interno, con volta a botte, è a tre navate, l'altare maggiore è sempre del De Marchis, sotto un grande ciborio a cupola con colonne di marmo greco.

Nella navata sinistra, opera di Gianfranco de Troy, San Girolamo Emiliani presenta gli orfani alla Vergine, e nel fondo, protetta da una
vetrata e sorretta da Angeli e Putti, la "scala in legno" della leggenda di Sant'Alessio.
Secondo la leggenda Sant'Alessio, figlio del Senatore Eufemiano, si allontanò da casa il giorno delle nozze e dopo una lunga penitenza tornò
nella sua casa, ma senza farsi riconoscere, e chiese ospitalità come servo, dormendo nel sottoscala. Visse così 17 anni, ed in punto di morte
rivelò al Papa la storia della sua vita, e questi dopo la morte la raccontò al padre ed alla sposa.

Nella navata destra vi è la tomba di Antonio Mancini, pittore (1852/1930), e nel transetto un'immagine adorata da Sant'Alessio a Edessa,
Madonna dell'Intercessione.

Nell'abside restano solo due delle 19 colonnine scolpite da Giacomo Cosma, di cui una firmata dall'autore (Jqacobus Laurentii fecit).

Di Pietro Gagliardi La Madonna appare a San Girolamo Emiliani, sull'altare del transetto sinistro, ed un tratto di pavimento cosmatesco,
ben conservato, che si può ammirare nel presbitero.

La Cripta è romanica, unica nel suo genere a Roma, con un altare a baldacchino ed affreschi del XII e XIII secolo..

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE