La dispenza der madrimonio

Gioacchino Belli

Quella stradaccia me la sò lograta:
Ma quanti passi me ce fussi fatto
Nun c'era da ottené pe gnisun patto
De potemme sposà co mi' cuggnata.

Io c'ero diventato mezzo matto,
Perché, dico, ch'edè sta baggianata
C'una sorella l'ho d'avé assaggiata
E l'antra no! nun è l'istesso piatto?

Finarmente una sera l'abbataccio
Me disse: "Fijo se ce stata coppola,
Pròvelo, e la licenza te la faccio".

"Benissimo Eccellenza", io j'arisposi:
Poi curzi a casa, e, pe nu dì una stroppola,
M'incoppolai Presseda, e ssemo sposi.

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE