La bestia raggionevole

Trilussa

Arrivato a lo svorto d'un palazzo
er povero imbriaco inciampicò,
capolitombolò
e rimase così, come un pupazzo.
Zulù, Zulù, perché me lasci solo?
ciangottò l'intoppato ar cagnolino
accucciato de dietro a un muricciolo -
Perché te sei nascosto? A bon bisogno
nun te ricordi più che so' er padrone...-
Er Cane disse subbito: - Hai raggione,
ma a di' la verità me ne vergogno!

potrebbero interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Si prega di leggere l'informativa sulla privacy. Chiudendo questo banner si accettano le condizioni sulla privacy e si acconsente all’utilizzo dei cookie.
CHIUDI