La bestia raggionevole

Trilussa

Arrivato a lo svorto d'un palazzo
er povero imbriaco inciampicò,
capolitombolò
e rimase così, come un pupazzo.
Zulù, Zulù, perché me lasci solo?
ciangottò l'intoppato ar cagnolino
accucciato de dietro a un muricciolo -
Perché te sei nascosto? A bon bisogno
nun te ricordi più che so' er padrone...-
Er Cane disse subbito: - Hai raggione,
ma a di' la verità me ne vergogno!

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE