Culture > Poems > 464 ๐Ÿ”—

Le pretese der Camaleonte

Trilussa

Mentre cantava l'inno ar Solleone,
una Cecala se trovò de fronte
a tu per tu con un Camaleonte
più nero der carbone.

Quant'è che me rifriggi 'sta canzone!
Incominciò a di' lui - Lascela perde!
Me la cantavi ar tempo ch'ero rosso,
me la cantavi ar tempo ch'ero verde...
Che vai cercanno? Che te zompi addosso?
Io canto ar sole, - je rispose lei -
e la luce der sole è sempre eguale:
che vôi che ce ne freghi, a noi cecale,
de che colore sei?

This site uses technical cookies, including from third parties, to improve the services offered and optimize the user experience. Please read the privacy policy. By closing this banner you accept the privacy conditions and consent to the use of cookies.
CLOSE